ho dei dubbi su un problema che si e presentato sul muro interno della camera da letto, il muro e perimetrale ed esposto a sud , affaccia sul terrazzino.
la parete e stata ristruttura da poco avendo completato la ristrutturato dell'appartamento a febbraio 2012,il problema prima della ristrutturazione già preesisteva .
il problema si e presentato ad novembre 2012 con rottura dell'intonaco con formazioni di una sostanza bianca che al tatto e poco consistente e di struttura tipo lanoso.
il mio primo pensiero e stato che cera qualche infiltrazione proveniente dal terrazzino,essendo iniziato tutto con l'inizio delle piogge, quindi ho ripristinato l'integrità delle fughe delle mattonelle di rivestimento de terrazzino,da qualche settimana il muro sembra più asciutto ma continua a formarsi questa sostanza bianca.
la mia domanda e come faccio a capire se e sale di risalita o qualche fungo particolare , perché mi viene un dubbio in quando il sale dovrebbe avere una consistenza granulosa?
aggiungi commento
4 risposte
Non è molto facile rispondere al quesito, senza analizzare visivamente lo stato dei luoghi.
È fondamentale, infatti, avere una visione completa delle problematiche esistenti per individuare al meglio le soluzioni ed il ciclo di lavori più idonei da fare, attraverso una serie di valutazioni e verifiche.

Inizialmente bisogna analizzare la presenza di eventuali anomalie negli interventi di ristrutturazione eseguiti.

Come non va trascurata l'analisi dei materiali usati per individuare la risposta che ogni materiale dà in seguito alle sollecitazioni dell'ambiente esterno siano esse di natura chimica e/o fisica e biologica, (quindi pioggia, vento, luce solare, gelo, inquinamento, anidride carbonica, presenza di sali nei collanti o malte scelte), non escludendo a volte anche alcune cause "intrinseche", legate alla scarsa qualità dei materiali stessi.

Quindi va analizzato il tipo di umidità, perché non sempre le macchie derivano da azioni di risalita (come quella di risalita in prossimità delle zoccolature).
E avendo probabilmente escluso presenza d'acqua dovuta ad infiltrazioni dal terrazzino (avendo provveduto al ripristino delle fughe) bisognerà esaminare:
- la porosità del supporto e il tipo e consistenza dell'intonaco,
- il tipo ed adesione delle pitture preesistenti e successive.

Prevalentemente la presenza di finiture sfarinanti ma generalmente "non sfogliate" sono indice di pitturazioni a base di calce. La presenza, invece, di distacchi e rigonfiamenti senza evidenti sbiadimenti di colore indica la presenza di finiture sintetiche.

Trattandosi poi di una parete esposta a Sud è problematico pensare a situazioni di condensa. Ma questo è un altro problema che svilupperebbe altre considerazioni.
Quindi si potrebbe pensare ad una causa derivante da sali (non necessariamente granulosi) e non da funghi, dato che muffe e funghi si presentano visivamente (per ristagni e umidità) quasi sempre per esposizioni di pareti esposte a Nord.

Non potendo quindi dedurre dal quesito ulteriori elementi di dettaglio, posso solo suggerire di rivolgersi a tecnici e prestatori d'opera qualificati.
Arch. Lorenzo Margiotta

Arch. Lorenzo Margiotta

aggiungi commento

Gentile amico, la presenza di una cristallizzazione superficiale di sali sotto forma di barbetta bianca, fa presupporre la presenza di un'umidità che migra in superficie trasportando con se i sali contenuti in qualche prodotto utilizzato o derivanti dal terreno. Dalla sola presenza di questo fenomeno si può presupporre che i materiali utilizzati siano tutti abbastanza traspiranti, poichè in caso contrario i danni sarebbero stati molto più gravi. Fatto salvo la possibilità di qualche piccola infiltrazione dall'esterno, la causa può essere attribuita ad una risalita. Di solito, i nostri tecnici, eseguono un sopralluogo misurando con un igrometro la quantità di umidità sulla superficie e in profondità dell'intonaco. Nei casi di percentuali superiori al 30%, l'intervento prevede la dismissione dell'intonaco e la ricostituzione dello stesso con un pacchetto macroporoso deumidificante. Nel suo caso, penso possa basterare applicare un paio di passaggi di un neutralizatore di sali solubili liquido.
Prodotti proposti
SIRGUM s.r.l.

SIRGUM s.r.l.

aggiungi commento

Con gli intonaci macroporosi, si "asciugano" i muri. Allora senza intonaci si asciugano ancora di più, quindi perchè mettere gli intonaci? Quando leggo che gli intonaci "asciugano" mi figuro dei puffi all'interno dei pori che pedalando fanno girare delle ventole. Poi penso: se è vero che l'umidità evapora, dova va? nell'ambiente, che quindi sarà saturo di umidità.
Forse sarà meglio risolvere il problema alla radice con altri sistemi.
graziella de biase

graziella de biase

SIRGUM s.r.l.SIRGUM s.r.l.
Gentile amica,
con gli intonaci deumidificanti non si asciugano i muri, (infatti, nessuno parla di asciugare i muri) ma nemmeno si mettono i Puffi ai lavori forzati.
Gli intonaci deumidificanti sono intonaci ad alta porosità, alta permeabilità al vapore, ridotto assorbimento capillare e discreta resistenza all’azione disgregatrice dei sali. L’utilizzo di queste malte speciali consente di ridurre l’effetto di deterioramento sulle pareti dovuto all’umidità di risalita. Tali intonaci hanno lo scopo preciso di favorire l’eliminazione dell’umidità di risalita che può ristagnare all’interno della muratura. Spesso infatti murature in mattoni o miste presentano un’elevata capacità di assorbimento e possono favorire la risalita per capillarità di umidità contenuta nel terreno. I sali idrosolubili contenuti nell’acqua vengono trasportati verso l’esterno e provocano macchie di muffa, inflorescenze saline o distacco del rivestimento della parete.
Gli intonaci deumidificanti contengono al loro interno elementi aggiuntivi macroporosi che fungono da IGROREGOLATORI, resistono ai solfati, aggregano la quantità minima di UMIDITA’ RESIDUA in risalita e ne favoriscono il trasporto verso l’esterno sottoforma di vapore.
Possiamo assicurarle che esistono interventi eseguiti col nostro sistema da ben oltre 15 anni, ed ancora oggi godono di ottima salute.
Nino Terranova
aggiungi commento

Prima di qualsiasi intervento si deve capire qual' è la causa (la provenienza dell'umidità).
Come si può eliminare o migliorare qualcosa se non si sà nemmeno cosa sia?

Comunque stia tranquillo la lana bianca non sono nient'altro che sali minerali, possono essere derivanti dal terreno (nel caso di piano terra), come essere contenuti nei materiali edili (in tal caso prevalentemente solfati).
Archimede Group

Archimede Group

aggiungi commento

La tua risposta
Grazie per il tuo contributo nel rispondere su Edilia2000!
  • Assicurati di rispondere alla domanda. Fornisci dettagli e condividi le tue conoscenze.
  • Attieniti a fatti, dati ed esperienze personali.
Ma evita di...
  • Chiedere aiuto, chiarimenti o commentare altre risposte.
  • Fare dichiarazioni basate su opinioni.
  • Vietato pubblicare indirizzi internet, email o numeri telefonici.
Inserire il nome dell'attività solo se si è titolare o responsabile di tale attività
Fai la tua richiesta. È gratuito!
Visualizzato 6606 volte
Cerca un prodotto per nome o tipologia
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?