• Sacrario

    Cappella domestica presso i romani, poi locale del tempio ove si conservavano gli arredi come le attuali sacrestie.

  • Sala

    Ambiente di grandi dimensioni, adibito ad usi particolari (sala d'ingresso, espositiva, da concerto, ecc.). Nell'originale accezione, edificio di una sola stanza, anche nel senso di abitazione contadina.

  • Salvaguardia

    Situazione di un piano adottato, ma non ancora approvato. Nel periodo intercorrente fra l'adozione e l'approvazione il Sindaco deve sospendere qualunque decisione sui progetti in contrasto con il piano adottato.

  • Sanatoria

    Riconoscimento legale ex post di realizzazioni urbanistiche o edilizie attuate senza autorizzazione, o in contrasto con le norme vigenti.

  • Sanzioni

    A seguito del mancato rispetto delle norme urbanistiche, o della realizzazione di opere difformi da quanto indicato nel progetto che ha ottenuto concessione edilizia, si applicano sanzioni. Le sanzioni possono essere sia di carattere pecuniario, sia di esproprio e/o demolizione dell'immobile.

  • Saracinesca

    Porta dei castelli medioevali che poteva alzarsi o abbassarsi.

  • Sarcofago

    Tomba in pietra ornata per riporvi i cadaveri.

  • Scala

    Rapporto del vero col disegno sulla base del metro.

  • Scala

    Struttura di collegamento fra i diversi piani di un edificio con percorso breve (a differenza della più lunga scalinata). Si compone di gradini, rampe e pianerottoli. Nel caso di costruzioni monumentali è detta scalone.

  • Scala cartografica

    Rapporto tra le dimensioni lineari risultanti dalla carta e quelle reali.

  • Scala grafica

    È costituita da un segmento, la cui lunghezza sulla carta rappresenta una certa distanza nella realtà.

  • Scala nominale

    È un parametro che definisce la scala di riferimento di una cartografia numerica, in funzione della corrispondente scala di una cartografia tradizionale realizzata seguendo gli stessi requisiti di precisione metrica.

  • Scala numerica

    Nella s.n. si utilizza come unità di misura il centimetro. Il numero che segue l’1: indica quanti centimetri nella realtà corrispondono ad un centimetro sulla carta.

  • Scanalatura

    Canaletti intagliati lungo le colonne o i pilastri.

  • Scandaglio

    Rilevamento delle profondità marine.

  • Scansione

    Analisi o campionamenti di un’immagine che si esegue scorrendo, in un ordine prestabilito, gli elementi nei quali si vuole scomporre l’immagine.

  • Scarpa

    Muro molto più grosso alla base, che serve per rinforzo.

  • Schizzo

    Appunto grafico; disegno limitato ai tratti fondamentali.

  • Scozia

    Modanatura concava composta che si usa in genere nella base delle colonne.

  • Scuola

    Edificio specificamente destinato alle attività didattiche ed educative. Asilo nido, Scuola materna, Scuola elementare, Scuola media, Liceo, Istituto tecnico, Istituto professionale, Seminario.

  • Serigrafia

    Procedimento di stampa ad uno o più colori su vari supporti (carta,tela, metallo, vetro,ecc).

  • Serramento

    Parte mobile dell'opera di finitura che chiude le aperture nelle opere murarie; si collega alle stesse tramite una parte fissa detta infisso o telaio. Viene realizzato in diversi materiali: legno, acciaio, alluminio, resine sintetiche.

  • Sezione

    Riferita alla scala 1:10.000. Si ottiene suddividendo in 16 parti il foglio della Carta d’Italia (I.G.M.) alla scala 1:50.000. Ogni sezione è contraddistinta da un toponimo e da un numero di sei cifre: le prime tre indicano il numero del foglio riferito alla scala 1:50.000; le successive due - variabili da zero a sedici - indicano la posizione della sezione entro il foglio; la sesta cifra è sempre zero.

  • Sfinge

    Figura con testa umana e corpo di lepne, molto usato nello stile egiziano.

  • Silenzio assenso

    Introdotto dalla legge n. 94 del 1978 (legge "Nicolazzi"). Approvazione implicita dell'autorità competente, quando l'istanza di intervento edilizio, presentata secondo la procedura prescritta, rimanga senza risposta per un dato periodo di tempo. Trascorso questo periodo, si possono avviare i lavori, previa comunicazione al Sindaco e pagamento degli oneri eventualmente dovuti.

  • Silenzio rifiuto

    Rigetto implicito dell'autorità competente, quando l'istanza di intervento edilizio rimanga senza risposta per un dato periodo di tempo.

  • Silo

    Costruzione adibita allo stoccaggio e alla conservazione di materie prime o derivati di produzioni agricole o industriali.

  • Silobate

    Piccolo muro continuo o base sulla quale poggiano le colonne.

  • Simbolo

    Mezzo indiretto di rappresentazione. I simboli possono essere retini per campire un'area, lineari (linea continua, a tratteggio, tratto-punto, ecc.), per tracciare elementi lineari o puntuali (croce, stella, triangolo, ecc.), per indicare una specifica localizzazione. Ciascun simbolo può essere disegnato in un'ampia varietà di colori.

  • Sinagoga

    Luogo di preghiera e di riunione della comunità ebraica, originariamente edificio destinato alle riunioni e all'insegnamento e non coincidente col tempio antico, dimora della divinità.

  • Sistema di coordinate

    Vedi sistema di riferimento.

  • Sistema di proiezione

    Sono sistemi che consentono di rappresentare la superficie quasi sferica della Terra su un piano, mantenendo alcune conformità (isogonia, equivalenza, equidistanza, ecc.): le più conosciute sono la Geografica, l'UTM, la GAUSS-BOAGA, la LAMBERT, altre sono la Conica, la Polare, la Stereografica, la Cilindrica e la Planare anche variamente combinate.

  • Sistema di riferimento

    Ogni proiezione ha un proprio sistema di riferimento, usato per calcolare le distanze. Ad esempio, la Proiezione Geografica ha come riferimenti l'incrocio tra il meridiano di Greenwich e l'equatore; la UTM prevede spicchi predeterminati di sei gradi, detti fusi, a loro volta divisi in zone (l'Italia è compresa tra i fusi 32, 33, 34); la GAUSS BOAGA, tutta italiana, ha origine in Monte Mario (a Roma) ed utilizza coordinate chilometriche misurate convenzionalmente partendo da 1500 a sinistra e da 2520 a destra del meridiano di riferimento.

  • Sistilo

    Intercolunnio di due diametri.

  • Smusso

    Il taglio di uno spigolo.

  • Soffitto

    La superficie che delimita la parte superiore di un ambiente, a volte trattata a stucco, pittura, affresco o intaglio. In relazione alla tecnica costruttiva utilizzata assume denominazioni diverse (a cassettoni, voltato, ecc.)Se non si identifica con la faccia inferiore del solaio ma si sospende ad esso oppure è indipendente si definisce meglio soffittatura, controsoffittatura o controsoffitto.

  • Solaio

    Struttura orizzontale che separa due piani di un edificio. Si differenzia in base a tecniche e materiali di realizzazione, che devono comunque garantire rigidezza, portanza commensurata alle funzioni insediate nell'edificio, leggerezza e buon isolamento termico ed acustico.

  • Sommoscapo

    La patte del fusto della colonna che si unisce al collarino.

  • Soppalco

    Struttura orizzontale realizzata tra due solai che permette di ricavare un ambiente praticabile all'interno di un vano la cui altezza originaria lo consenta.

  • Sopraelevazione

    Ampliamento verticale di un edificio che non modifica la superficie coperta del lotto di pertinenza.

  • Spaccato

    Disegno di un edifiziò supponendolo tagliato in modo da farne vedere l'interno.

  • Spalletta

    Muro fra due finestre.

  • Sperone

    Muro per rinforzo.

  • Spinta

    La forza prodotta dal peso di una volta sui piedritti, e si controbilancia con i contrafforti.

  • SPOT

    (Sistème Probatoire d'Observation de la Terre) Famiglia di satelliti multispettrali per il remote sensing con sistema di puntamento mobile. La risoluzione a terra è di 20 metri per il multispettrale e di 10 metri per il pancromatico. Il primo lancio di questo sistema francese risale al 1986.

  • Stalli

    Sedili del coro di una chiesa per lo più scolpiti e intarsiati.

  • Standard

    Dotazione, espressa in termini numerici, di aree e attrezzature pubbliche secondo indici prefissati: verde, parcheggi, scuole, strutture sanitarie ecc. Alle quantità relative indicate dagli standard, devono adeguarsi gli strumenti urbanistici e le relative realizzazioni. In Italia gli standard urbanistici sono stati fissati dal Decreto Interministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, che fissa limiti all'edificazione e rapporti massimi tra insediamenti e spazi pubblici. In Lombardia la quantità minima è di 26,5 mq/abitante, dove il parametro "abitante" è desunto dalla capacità insediativa degli insediamenti (L.R. 51/1975).

  • Stanza

    Secondo l'ISTAT, vano compreso nell'abitazione, con aerazione e illuminazione diretta, di ampiezza sufficiente a contenere almeno un letto. Sono generalmente considerate stanze gli spazi divisi da pareti ad uso letto, pranzo, studio, soggiorno, soffitte abitabili, che abbiano una superficie di almeno 8 mq.

  • Stato di fatto

    Planimetria di un territorio che rappresenta la situazione insediativa ad una determinata epoca, eventualmente specificando con opportune simbologie le varie strutture residenziali, produttive, esistenti, le infrastrutture a rete ecc.

  • Stereogramma

    Coppia di fotogrammi di una stessa zona di terreno, presi da due diversi punti di vista.

  • Stereoscopia

    La percezione del rilievo di un oggetto in conseguenza della visione binoculare. Tecnica fotografica per ottenere il senso del rilievo, riprendendo due immagini del soggetto da due diversi punti di vista.

  • Stile

    In architettura è la maniera speciale di costruire di un dato popolo o di un'epoca.

  • Stipiti

    Le parti laterali delle porte e delle finestre.

  • Strada

    Via di comunicazione dotata di caratteristiche tecniche, funzioni e specializzazioni differenti secondo i casi. In base alle diverse tipologie di utenti si potrà quindi parlare di strada veicolare, pedonale o di autostrada; in base alla sua forma e posizione di viale, vicolo, strada a fondo cieco, sottopassaggio o viadotto; in base alla funzione di strada di attraversamento, di distribuzione, di penetrazione, di scorrimento, residenziale o camionale. Gli elementi dei quali generalmente si può comporre sono la banchina ,il marciapiede, la pista ciclabile, l'aiuola spartitraffico.

  • Strapiombo

    Si dice di una costruzione che esce fuori dalla perpendicolare.

  • Strombatura o Sguancio

    L'obliquità del muro, a foggia di imbuto, ai lati di una porta o di una finestra.

  • Struttura

    In senso costruttivo, complesso degli elementi strutturali e distributivi di un edificio. Per estensione edificio, costruzione. Ossatura metallica, Struttura a telaio, Struttura pneumatica, Struttura portante.

  • Stucco

    Composto di materie plastiche, in modo speciale gesso, che indurisce all'aria e che serve per ornati, decorazioni, ecc.

  • Superfetazione

    Ogni parte di un edificio, in particolare nei centri storici, che risulti costruita in aggiunta all'organismo originario, alterandone l'assetto formale. In un intervento di restauro le superfetazioni, di norma, devono essere eliminate.

  • Superficie coperta

    Proiezione su di un piano orizzontale dell'area effettivamente edificata.

  • Superficie edificabile

    Area destinata dallo strumento urbanistico ad essere edificata secondo le prescrizioni previste dalla normativa.

  • Superficie fondiaria

    È data dalla superficie fisica di un'area territoriale, meno l'eventuale area di rispetto e le aree per opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

  • Superficie territoriale

    È data dalla superficie fisica di un'area territoriale, meno l'eventuale area di rispetto.

  • Supporto

    Superficie destinata ad accogliere un disegno, un grafico, una pittura o una immagine.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?