Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato (a maggioranza) la delibera con la quale si disciplinano le nuove installazioni di impianti fotovoltaici a terra nel rispetto del paesaggio e dell’attività agricola.

Vademecum per impianti fotovoltaici a terraCome ha spiegato il consigliere Giovanni Ardelio Pellegrinotti che ha illustrato il provvedimento in Consiglio regionale, l’atto ha lo scopo di individuare il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio di impianti fotovoltaici a terra, stabilendo criteri per mitigare possibili impatti ambientali e paesaggistici attraverso parametri qualitativi cui fare riferimento.

La proposta investe impianti fotovoltaici a terra, ad esclusione di quelli di potenza inferiore a 20 kilowatt, a patto che non interessino aree sottoposte a tutela culturale e paesaggistica. La forma dell’impianto dovrà tener conto delle caratteristiche paesaggistiche, dovrà essere localizzato evitando di interessare coltivazioni storicizzate e le caratteristiche costruttive dovranno essere tali da consentire la massima resa nella minore superficie occupata.

La consigliera Marta Gazzarri si è detta soddisfatta della conclusione di un lavoro che in due anni ha portato all’approvazione di provvedimenti tesi a disciplinare i nuovi impianti, riuscendo a coniugare sviluppo, tutela del paesaggio e difesa di quella produzione agricola di qualità che caratterizza il nostro territorio.

Giuseppe Del Carlo ha invece espresso perplessità su un provvedimento che pone ulteriori paletti. In particolare il consigliere ha spiegato di aver chiesto di portare a 50 kw le dimensioni dell’impianto sotto le quali lasciare maggiore libertà, anziché 20 kw come stabilito. Dal momento che la proposta non è stata accettata e ritenendo il provvedimento troppo restrittivo Del Carlo ha annunciato la sua astensione.

Per lo stesso motivo ha annunciato voto di astensione Antonio Gambetta Vianna, secondo il quale non è accettabile che si scoraggino gli impianti ad energia rinnovabile e si dia allo stesso tempo il via libera a una centrale a turbogas a Pistoia dagli effetti devastanti.
Marina Staccioli ha voluto sottolineare l’importanza di aver considerato nel provvedimento elementi importanti come la tutela degli animali che attraversano i terreni su cui sorgono gli impianti.
Roberto Benedetti si è detto soddisfatto di una delibera frutto di un lavoro condiviso e che riesce a garantire una maggiore tutela del territorio.

Vincenzo Ceccarelli, presidente della commissione Territorio e ambiente, ha voluto rassicurare sul fatto che non sono previste restrizioni particolari, ma che si è scelto di portare a 20 kw le dimensioni degli impianti, oltre le quali entrano in vigore i criteri, per armonizzare il provvedimento con le altre norme esistenti. Criteri omogenei, secondo Ceccarelli, avranno l’effetto di facilitare il lavoro e quindi di incoraggiare le installazioni e non quello di ostacolarle.

Fonte: Consiglio Regionale della Toscana
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?