Con l'avvicinarsi dell'obbligo di applicazione del BIM per i progetti di opere pubbliche d’importo superiore ai 100 milioni (dal 1.1.2019) l'OICE intende indagare su come si sta evolvendo a livello internazionale la digitalizzazione del settore delle infrastrutture e della gestione dei patrimoni immobiliari e quali siano le ripercussioni di questa innovazione sull'organizzazione dei fattori produttivi.

Durante il III Forum Internazionale OICE sul BIM, che vedrà la presenza di importanti relatori stranieri (dagli Usa, dal Regno Unito e dalla Danimarca), l'associata Italferr presenterà in anteprima nazionale i contenuti del Primo Libro bianco sul BIM: “Innovare per progettare il futuro” analizzando le potenzialità del BIM nei prossimi dieci anni.

All'intervento di Italferr seguiranno le relazioni delle principali case di software (Allplan, Autodesk, Bentley, Graphisoft main sponsor del Forum) e le presentazioni di importanti progetti realizzati da Lotti Ingegneria, Net engineering, Politecnica e Pro Iter, in Italia e all'estero, nonché una relazione di ICMQ sulla certificazione dei sistemi di gestione. Chiuderà il Forum una relazione "di prospettiva" sui future trends dell'ingegneria e dell'architettura a livello internazionale.

Andrea Mascolini , Direttore Generale

In allegato il programma del 3° Forum internazionale OICE sul BIM:
IL BIM DALLA PROGETTAZIONE ALLA GESTIONE DELL’OPERA
ESPERIENZE INTERNAZIONALI E NAZIONALI DI COMMITTENZE E OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI
Roma, 13 giugno 2018 – Via Gerolamo Frescobaldi, 5
Grand Hotel Parco dei Principi

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?