Enel, con la sua Smart Grid, è protagonista ad Expo 2015, dove ha realizzato l’innovativo progetto di testare la prima Smart City al mondo da 100 mila abitanti: una rete intelligente per la distribuzione dell’energia, realizzata con le più moderne tecnologie attualmente disponibili, ed un sistema di Energy Management per i padiglioni per il controllo dei carichi, l’ottimizzazione dei flussi di energia, l’integrazione degli impianti da fonte rinnovabile e la gestione dell’illuminazione.

Una città può essere definita intelligente (dall'inglese smart city) quando gli investimenti effettuati in infrastrutture sono tesi all'ottimizzazione e all'innovazione dei servizi pubblici mediante l'impiego diffuso delle nuove tecnologie e dell'efficienza energetica, al fine di migliorare la qualità della vita e soddisfare tutela dell’ambiente, e sostenibilità economica.

Nel campo dell'elettricità e delle telecomunicazioni una Smart Grid è l'insieme di una rete di informazione e di una rete di distribuzione di energia in modo tale da consentire di gestire la rete elettrica in maniera "intelligente", per un uso più razionale dell'energia minimizzando, al contempo, eventuali sovraccarichi e variazioni della tensione elettrica.

La smart grid quindi (conosciuta anche come "rete intelligente") è una evoluzione delle tradizionali reti di energia elettrica che consente di far viaggiare l’energia elettrica da più nodi rendendo la rete in grado di rispondere tempestivamente alla richiesta di maggiore o minore consumo di uno o più utenti e rendendo immediata e ottimale la gestione come un vero e proprio organismo intelligente.

I visitatori di Expo Milano 2015 possono vedere in tempo reale come si integrano e lavorano in sinergia tutte le fonti di energia dell’Expo, qual è il mix produttivo che alimenta l’esposizione, e quali sono i consumi che possono essere opportunamente programmati e regolati per ottimizzare l’efficienza del sistema.

Nel Padiglione espositivo dell'Enel i visitatori hanno la possibilità di vedere all'opera, con tecnici esperti che interagiscono con gli apparati, il sistema di telecontrollo e di protezione (paragonato ad un vero e proprio centro di controllo di una città intelligente), per la gestione delle 100 cabine elettriche di media tensione dell'Expo, del sistema di Energy Management per il monitoraggio e controllo dei consumi e del fabbisogno energetico dei singoli padiglioni, dell’illuminazione delle aree comuni con 8500 punti luce a led intelligenti ad alta efficienza, delle 100 colonnine di ricarica elettrica per veicoli ubicate all'interno del sito e nel perimetro esterno.

Enel risulta così impegnata a dimostrare la funzionalità di tecnologie all'avanguardia, in grado di trasformare in realtà il sogno delle Smart Cities, sia in Italia che nei diversi Paesi in cui opera: un vero e proprio modello per il futuro, visto che (secondo le previsioni) nel 2030 le popolazioni vivranno per lo più nelle aree urbane.

Ing. Enzo Ritto

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?