Un progetto culturale che corra sulla Via Traiana, intersecata dal fiume Ofanto, che si estenda per buona parte della Puglia, da Castelluccio dei Sauri a Ruvo, con al centro Canosa.
E' questa la notizia, che riportiamo integralmente, fornita dall'Ufficio Stampa del Comune di Canosa di Puglia.

Un progetto ambizioso, con "Avviso pubblico per la selezione delle proposte di sostegno alla progettazione integrata di scala territoriale/locale per la valorizzazione culturale nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia" – Linea di Azione 2 “Progettazione per la Cultura”, nell’ambito del Piano di Azione e Coesione 2007- 2013 “Interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale”.

Per realizzarlo, il sindaco di Canosa, Ernesto La Salvia, ha proposto la costituzione di un’associazione di scopo tra Comuni, invitando i sindaci di Andria, Barletta, Bisceglie, Cerignola, Corato, Margherita di Savoia, Minervino Murge, Ruvo di Puglia, San Ferdinando di Puglia, Spinazzola, Trani, Trinitapoli, e coinvolgendo anche il presidente del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino e il direttore del Dipartimento Cultura della Regione Puglia.

“Facendo riferimento alle note dei sindaci di Barletta e di Cerignola, pervenute di recente alla nostra attenzione – ha dichiarato il Ernesto La Salvia - credo sia necessario dare rapidamente seguito ad un’aggregazione che parta da un’idea progettuale forte e vincente. Abbiamo avuto la possibilità di conoscere e condividere un progetto che ha la Via Traiana e il territorio ofantino come assi portanti. Riteniamo di doverci inserire nell’avviato dibattito per sollecitare una accelerazione che consenta al territorio di avere un’aggregazione prima di tutto progettuale, attraverso la creazione di una associazione tra i Comuni del Nord – Barese interessati."

"Proponiamo, pertanto - continua La Salvia - che l’Agenzia del Patto Territoriale condivida progettualmente l’iniziativa, che coinvolge un territorio che va da Castelluccio dei Sauri a Ruvo di Puglia, passando per Ordona, Cerignola e Canne della Battaglia. È un’occasione che non può essere rinviata, né tantomeno persa e che può avvalersi, a integrazione di quanto sta ben realizzando Puglia Imperiale, di progettualità con visioni più ampie e aderenti ai singoli territori. Propongo, quindi, un incontro in tempi rapidissimi per formalizzare l’indispensabile apertura alle comunità potenzialmente coinvolte, affinché l’iniziativa rappresenti una opportunità di sviluppo per tutti. Vista la centralità geografica e storica della Città di Canosa, i locali del Comune sono a disposizione per concordare incontri e tavoli tecnici".

La Progettazione per la Cultura

Così come richiesto dall’avviso pubblico, il progetto è finalizzato a migliorare le condizioni di offerta e di fruizione del patrimonio culturale del territorio. “Il 5 settembre – ha aggiunto La Salvia - è la data a partire dalla quale è possibile presentare il progetto e partecipare all’avviso pubblico: dobbiamo essere pronti per farlo. E vista l’aggregazione di Comuni proposta da Puglia Imperiale e condivisa dal Comune di Canosa, bisogna andare oltre. Faccio una proposta “qualitativa” invitando ad attraversare il ponte dell’Ofanto per aprire ad un progetto più ampio che veda la partecipazione di alcuni Comuni del foggiano e del barese. L’idea è quella di costruire attorno alla Via Traiana e al fiume Ofanto un progetto che si fondi sulla continuità storica e sulla contiguità geografica dei territori, proponendo un progetto ampio ed ambizioso, che possa costituire una idea portante ai fini della promozione turistica di questa splendida parte della nostra regione”.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?