Il Centro Studi ANCE (Associazione Nazionale dei costruttori edili) ha presentato l'ultimo Osservatorio Congiunturale sull'Industria delle Costruzioni (gennaio 2017).
Lo studio, illustrato dal Presidente dell'Ance, Gabriele Buia, fotografa un settore che, dopo una lunga crisi, vede nel 2017 una possibile ripresa.

La ripresa dell’economia italiana continua a essere fragile e di intensità contenuta: il 2016 si chiuderà, secondo l’Istat, con un aumento del Pil dello 0,8% in termini reali, cui seguirebbe una crescita dello 0,9% nel 2017.
Il cambio di segno degli investimenti in costruzioni sarà, soprattutto, determinato da quanto previsto nella Legge di Bilancio 2017, che dà grande attenzione all'edilizia con misure relative al rilancio degli investimenti infrastrutturali e al rafforzamento degli incentivi fiscali esistenti, in particolare, per gli interventi di messa in sicurezza sismica e di efficientamento energetico.

Per raggiungere l'obiettivo di ripresa del settore, però, è fondamentale assicurare la rapida attuazione degli interventi previsti e un'attenta gestione delle procedure necessarie.

Con il suo discorso il Presidente Buia ha affrontato i temi degli incentivi fiscali, del sisma bonus, della certificazione sismica, della cessione del credito d'imposta, della rigenerazione e rottamazione del vecchio e, infine, del fascicolo del fabbricato.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?