Nonostante sia da poco conclusa la cerimonia di premiazione della Capitale Verde 2012, assegnata alla città spagnola Vitória Gasteiz, già si comincia a parlare delle candidature per l'anno 2014, visto che per il 2013 sarà la città francese Nantes a ereditare il titolo.

Torino Capitale verde 2014Per il 2014 si sono già candidati diciannove comuni di varie dimensioni, tra i quali l'unica candidata per il nostro paese è la città di Torino, che dovrà confrontarsi con città come Bruxelles, Parigi, Rotterdam, Vienna, Francoforte e Copenaghen.

Un gruppo di esperti internazionali di spicco valuterà nei prossimi mesi i piani d'azione e le strategie di comunicazione delle diciannove città finaliste, attraverso l'elaborazione di una classifica che terrà conto di dodici indicatori.
Anche per l'edizione 2014 sono stati confermati gli stessi indicatori :
trasporti locali, aree verdi urbane e uso sostenibile del territorio, natura e biodiversità, qualità dell’aria ambiente locale, inquinamento acustico, produzione e gestione dei rifiuti, consumo idrico, trattamento delle acque reflue, eco innovazione e occupazione sostenibile, gestione ambientale dell’autorità locale, rendimento energetico.

Dopo aver individuato una rosa di tre o quattro città candidate, nel prossimo mese di giugno, la giuria proclamerà la città vincitrice per il 2014 e la cerimonia avrà luogo a Vitoria-Gasteiz.

Il premio della capitale verde europea è stato istituito nel 2010 allo scopo di riconoscere gli sforzi locali per migliorare l'ambiente, l'economia e la qualità della vita nelle città.
Successivamente, a causa della continua espansione delle città, si è poi proseguito il cammino della Commissione Europea per promuovere così una migliore qualità di vita per i molti milioni di “cittadini” europei.

Il Premio della Capitale verde europea è stato instituito, anche, per riconoscere alle città premiate la capacità di costituire un 'modello' in grado d'ispirare altre città europee nel raggiungimento di alti standard ambientali, così come hanno dimostrato le precedenti Capitali Verdi: Stoccolma (Svezia) nel 2010, Amburgo (Germania) il 2011.

Ma questa notizia lascia perplessi, se ci si ricorda delle note negative espresse dall'Organizzazione mondiale della sanità, lo scorso anno. Torino figurava tra le città soggette a un costante inquinamento e addirittura la sua qualità dell’aria risultava peggiore di Napoli e Milano.

Ce la farà, quindi, Torino ad aggiudicarsi il titolo di “capitale verde europea”? Ci sono ancora due anni per sperare in una inversione di rotta a tutto vantaggio dei cittadini locali.

Eleonora Tamari
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?