E' partita la IV edizione di Grand Tour Cultura, un percorso di valorizzazione di musei, archivi e biblioteche promosso dalla Regione Marche con la collaborazione dell’associazione che riunisce i professionisti della cultura (MAB - Musei Archivi Biblioteche).

Il filo conduttore per le diverse manifestazioni ed iniziative promosse sul territorio è tristemente attuale: “I paesaggi culturali fra quotidianità, socialità e calamità. Recuperare la Memoria per ricostruire il futuro”.
Una tematica, quella del paesaggio culturale che ha caratterizzato numerose attività e manifestazioni regionali nel corso dell’anno, declinata con modalità differenti e in diverse occasioni ma che in questa occasione si focalizza su un tema preciso, quello del terremoto.

“Il paesaggio marchigiano indagato sotto vari profili- spiega l’assessore al Turismo e Cultura, Moreno Pieroni -offre un’occasione per riflettere non solo sulle trasformazioni che ha subito nel corso del tempo ad opera della natura o dell’uomo, ma anche sul ruolo che gli istituti culturali possono rivestire proponendosi come centri di interpretazione e presidi territoriali di tutela attiva. Una riflessione condivisa anche a livello nazionale che diventa ora quanto mai attuale alla luce dei drammatici recenti eventi sismici che hanno interessato la nostra regione e ferito il nostro patrimonio culturale”.

Ciò ha condizionato una più stringente attenzione verso le tematiche del terremoto, inducendo a confermare l’importanza e la validità dell’iniziativa Grand Tour Cultura. Nonostante la difficile situazione che si vive nei numerosi comuni marchigiani all’indomani delle numerosissime scosse, ben 38 comuni hanno inviato la loro adesione,tTra le quali segnaliamo, molte iniziative messe in programma a breve nei capoluoghi di Ascoli Piceno, Macerata e Fermo, ma anche in più piccole realtà delle tre province.

L'iniziativa - ha concluso Pieroni - permetterà ai visitatori di conoscere e ammirare le ricchezze culturali della regione, in parte compromesse. Questo per creare connessioni, relazioni tra le popolazioni colpite e il loro territorio, affinché non si perda la memoria e l’identità di quel tessuto che può essere ricostruito e non deve rischiare ora di scomparire.”
Su questa direttrice MAB Marche vuole offrire un contributo attivo, anche dal punto di vista organizzativo, al fianco dei territori più colpiti e che vogliano proporre iniziative.

Le singole iniziative (contenuti e date) saranno consultabili sui siti e sui canali social della Regione Marche: https://www.facebook.com/marchemusei
https://twitter.com/MarcheMusei
http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Cultura https://www.facebook.com/GrandTourCulturaMarche/
https://www.culturasmart.social.marche.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?