Il volume sempre maggiore di rifiuti solidi urbani, la crescente necessità di generare energia e le legislazioni più severe spingono il mercato degli impianti "waste to energy" a livello globale. Si prevede che le entrate – che alla fine del 2012 hanno registrato un valore di 19 miliardi di dollari – raggiungeranno quota 29 miliardi di dollari entro il 2016.

Il mercato globale dei termovalorizzatori è analizzato e discusso da Monika Chrusciak, analista di Frost & Sullivan (la Growth Partnership Company), in una presentazione che è ora disponibile online.

Attualmente, l’installazione di nuovi impianti di termovalorizzazione è oggetto di un forte interesse nelle regioni più densamente popolate e di estensione limitata, come ad esempio l’Europa occidentale, il Medio Oriente e l’Asia meridionale. Allo stesso tempo, si prevede che le regioni con economie sviluppate e già dotate di una base di installazione di termovalorizzatori offriranno grandi opportunità grazie ai necessari interventi di modernizzazione entro il 2016.

"L’interramento dei rifiuti non è più il processo economicamente vantaggioso che era qualche anno fa. Le tariffe di smaltimento sono aumentate considerevolmente, portando gli operatori di mercato ad esplorare soluzioni competitive - spiega Chrusciak -. Gli impianti "waste to energy" forniscono soluzioni di trattamento dei rifiuti che superano il riciclaggio limitato dei materiali e puntano al recupero di energia. Il funzionamento ottimale di un impianto di termovalorizzazione dipende dalle sue economie interne, dalla comprensione delle condizioni locali e anche da modelli di business innovativi".

"Le prospettive future del mercato dei termovalorizzatori evidenziano il bisogno di aumentare la collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti per completare le competenze e le conoscenze di ciascuno e sfruttare le future opportunità di crescita", aggiunge Chrusciak.

La presentazione, disponibile sotto forma di podcast, fornisce un panorama del settore legato agli impianti "waste to energy" tra il 2009 e il 2016. Analizza e valuta inoltre, il crescente interesse da parte delle aziende che si occupano di gestione dei rifiuti e di produzione di energia.

Per ricevere una copia della presentazione e avere accesso al podcast, si prega di contattare Chiara Carella, Corporate Communications di Frost & Sullivan, all’indirizzo chiara.carella@frost.com.

Chiara Carella (20 Novembre, 2013)

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?