TORINO 1955 1965In occasione della mostra Ezio Gribaudo: le stanze delle meraviglie, in esposizione presso il Museo d’arte contemporanea di Lissone fino a domenica 27 aprile, mercoledì 23 aprile, alle ore 21, si terrà presso il Museo un incontro di approfondimento sul milieu artistico torinese, proprio negli anni intensi in cui Gribaudo ha intrapreso la sua attività artistica.

Il titolo dell’incontro Torino 1955-1965. Da Casorati a Rauschenberg già evidenzia una situazione in grande divenire, resa vivace da un’attività espositiva di grande rilievo sia nell’ambito delle gallerie private che in ambito pubblico.

Ad approfondire il tema interverrà il prof. Giorgio Colombo, che ha seguito in prima persona e con attenzione l’evolversi del clima culturale e artistico di Torino in quel decennio particolarmente importante per la nascita del Museo d’arte moderna torinese e per il maturare di una sensibilità artistica nuova, in consonanza con quanto stava avvenendo a Milano e in altre città d’Italia.

Partendo da Felice Casorati, maestro indiscusso dell’epoca, si incontreranno Lucio Fontana, Pinot Gallizio, Asger Jorn, Francis Bacon, Fillia, Giacomo Balla, Carlo Mollino, in un percorso che avrà come riferimenti anche importanti studiosi e critici come Luigi Carluccio e Michel Tapiè, protagonista quest’ultimo dello sviluppo e della diffusione in Italia dell’arte informale (fu lui ad usare per primo il termine informel) nonchè autore del volume "Art autre" pubblicato per le Edizioni Pozzo, proprio con la collaborazione di Ezio Gribaudo.

Non secondaria è certamente l’attenzione che in quegli stessi anni la città di Lissone dedicava al Premio Lissone, prestigioso concorso d’arte che vide la partecipazione delle personalità artistiche più importanti in ambito informale a livello internazionale: Tàpies, Schneider, Vedova, Perilli, Birolli sono solo alcuni dei maestri, i cui capolavori sono entrati ad arricchire la collezione permanente dell’istituzione museale lissonese, costituitasi negli anni proprio grazie alla lungimirante politica di acquisto derivante dalle edizioni storiche del Premio Lissone.

Come sottolinea l’Assessore alla Cultura, Identità e Tradizioni locali Daniela Ronchi, "Ritengo molto importante offrire al pubblico del Museo degli eventi collaterali che contribuiscano ad approfondire i contenuti dell’attività espositiva in programma. Tale funzione educativa del Museo è ancora più rilevante se riferita al settore dell’arte contemporanea, spesso a volte difficilmente compresa in tutti i suoi aspetti e profondi significati.
Il riferimento alla città di Torino, world design capital 2008, sarà inoltre l’occasione per dare un’anticipazione della seconda edizione del Premio Lissone Design in programma per la fine dell’anno."

Museo d’arte contemporanea, Lissone
Mercoledì 23 aprile 2008, ore 21.00

con la collaborazione dell’Associazione Amici
del Museo d’arte contemporanea di Lissone

Comune di Lissone, Via Gramsci 21 - 20035 Lissone MI
tel. 039/7397.1 centralino - fax 039/7397.274
Museo d'arte contemporanea, Viale Padania 6, 20035 Lissone
tel. 039/2145174 - fax 039/461523
e-mail: museo@comune.lissone.mi.it
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?