L’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con la Direzione Catasto, Cartografia e Pubblicità Immobiliare, ha aggiornato la pubblicazione “Statistiche Catastali”, che rappresenta una sintesi completa sull’entità e le caratteristiche dello stock dei fabbricati, così come censito nella banca dati del Catasto Edilizio Urbano aggiornato al 31 dicembre 2016.

Si tratta di informazioni aggiornate (12 luglio 2017) che riguardano un totale di 74,3 milioni di beni fra unità immobiliari urbane ed altre tipologie immobiliari che non producono reddito, delle quali si forniscono: la numerosità dello stock, la sua consistenza fisica (vani, superfici o volumi a seconda delle categorie tipologiche) e la rendita catastale.

Questi dati, dettagliati per categoria catastale, ovvero per tipologia e/o destinazione d’uso dell’immobile, ed elaborati su base comunale, costituiscono le «statistiche censuarie» che rappresentano il dato amministrativo-censuario riportato nelle banche dati, e che diventano la base per ulteriori elaborazioni che assumono più propriamente carattere di stima statistica, le cosiddette «elaborazioni statistiche».

Dalla pubblicazione si evince che lo stock immobiliare italiano6 nel 2016 è aumentato dello 0,5%, circa 352 mila unità più del 2015, per una rendita complessiva che supera i 37 miliardi di euro ma scende dell’1,1% rispetto all’anno precedente.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?