C'è un muro di contenimento fatto (molto male) a blocchetti di cemento, altezza a scalare da hmax=3 mt hmin=1.5mt e lungo 15 metri. Messo in opera senza (o quasi) fondazioni, il muro comincia a fare delle pance e a fratturarsi; la frattura non avviene lungo i giunti di malta, ma lesiona anche i blocchetti stessi. Successivamente è stato costipato da pali di cemento ad una distanza di 4mt. l'uno dall'altro alti 2,15 mt circonferenza 300 mm, ma il problema rimane.
Quali sarebbero gli accorgimenti che si potrebbero fare per mettere in sicurezza il muro? Il blocchetto è il classico 20x20x40.

Grazie.
aggiungi commento
3 risposte
Non è ben chiaro a cosa siano serviti i pali di cemento, per costipare che cosa poi.
Comunque è bene precisare che trattandosi di un muro di contenimento i blocchetti cementizi non vanno mai usati.
E a parte questo, visto che trattasi di un muro di sicurezza che evidentemente deve "contenere" forze spingenti, risulta abbastanza ovvio che si debba fare ausilio del cemento armato.
Inoltre, dato che ha già evidenziato che non è stato fatto un lavoro di fondazione egregio, mi permetto di suggerire la totale demolizione dell'esistente, la realizzazione di un'ottima fondazione, e quindi l'elevazione di un adeguato muro di contenimento in calcestruzzo armato con idonei ferri d'armatura.
Un tecnico di fiducia potrà consigliarvi al meglio e così eliminare i gravi rischi di sicurezza attualmente in atto.
Arch. Lorenzo Margiotta

Arch. Lorenzo Margiotta

aggiungi commento

I muri di contenimento, a differenza dei semplici muri di confine, assolvono ad una funzione statica e pertanto è necessario che vengano correttamente progettati e realizzati, nel rispetto delle norme e da parte di tecnici abilitati. Il muro da lei descritto non è sicuramente idoneo o sopportare i carichi trasmessi dal retrostante terrapieno la cui spinta ha, infatti, determinato l'insorgere di spanciamenti e fratture. I muri in blocchetti di cemento o in muratura, non sono di per se inadeguati per essere utilizzati come muri di contenimento, purchè siano adeguatamente dimensionati ed eseguiti a regola d'arte. Esistono testimonianze di muri in mattoni, in pietrame a secco, con vaschette in calcestruzzo riempite con terra (muri verdi) che svolgono in maniera egregia il loro compito.
Per ritornare al caso che ci occupa, ritengo prioritario porre l'attenzione all'aspetto della sicurezza. Se il muro presenta gravi fenomeni di instabilità, che possano determinare un improvviso crollo, dal quale può scaturire pericolo d'incolumità per le persone (o per le cose) è necessario ed improcrastinabile intervenire, anche con soluzioni estreme: la demolizione e il successivo rifacimento.
Non è importante la tipologia di muro (a gravità o in cemento armato) o i materiali da utilizzare (mattoni, pietrame, vaschette in cls per muri verdi, terre rinforzate ecc.) è importante rivolgersi a un tecnico in grado di effettuare la scelta più idonea, in relazione alle caratteristiche dei terreni, all'ambiente circostante e alle tradizioni dei luoghi. Le dimensioni e le modalità esecutive, sono solo un mera attività di calcolo, che sarà fatta in modo professionale da qualunque tecnico cui Lei si rivolgerà.
Mi permetto, in conclusione, di suggerirle una potenziale soluzione volta alla conservazione dell'opera (da valutare insieme ad un professionista): il drenaggio delle acque a tergo del muro.
Nel caso in cui non sia stato previsto (o non sia efficiente) provveda a realizzare un buon drenaggio delle acque meteoriche (o di falda) così da evitare spinte idrostatiche che possano compromettere la stabilità del muro. Intatti, un buon muro di sostegno è realizzato in modo tale da prevedere tra il muro e il terreno uno strato di pietrame che ha lo scopo di facilitare lo smaltimento delle acque, così che esse non esercitino pressione sulla faccia interna del muro.
Ing. salvatore ferrara

Ing. salvatore ferrara

aggiungi commento

Buonasera sig. Lorenzo, un muro composto da soli blocchi in cemento 20x20x40 non è idoneo per sostenere nessuna spinta che proviene da tergo. Se i blocchi vengono usati come "cassero" - riempiti in cls, armati con barre in acciaio e collegati ad una idonea fondazione - possono essere utilizzati per piccoli sostegni (ovviamente va fatto il calcolo da parte di un tecnico abilitato). Per mettere in sicurezza il muro ci sono varie soluzioni provvisorie o definitive, che talvolta sono costose più della demolizione e della ricostruzione. Va studiato attentamente anche il drenaggio delle acque... fondamentale per tutte le murature di sostegno. Le consiglio, per una eventuale ricostruzione, di valutare anche le murature segmentali rinforzate tipo Rockwood, della Ferrari BK Spa. Cordiali saluti. Alessandro Benedetti

Prodotti proposti
Ferrari BK srl

Ferrari BK srl

aggiungi commento

La tua risposta
Grazie per il tuo contributo nel rispondere su Edilia2000!
  • Assicurati di rispondere alla domanda. Fornisci dettagli e condividi le tue conoscenze.
  • Attieniti a fatti, dati ed esperienze personali.
Ma evita di...
  • Chiedere aiuto, chiarimenti o commentare altre risposte.
  • Fare dichiarazioni basate su opinioni.
  • Vietato pubblicare indirizzi internet, email o numeri telefonici.
Inserire il nome dell'attività solo se si è titolare o responsabile di tale attività
Cerca un prodotto per nome o tipologia
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?