Gli sviluppi recenti nel settore del fotovoltaico, infatti, hanno favorito la realizzazione di pannelli solari trasparenti.
Queste cellule trasparenti possono trasformare qualsiasi vetro di una finestra in un generatore di energia solare senza ostacolare il passaggio della luce.
I nuovi pannelli, ad alta efficienza, sono costituiti da molecole organiche che assorbono l’energia della luce infrarossa. L’energia assorbita viene convertita in energia elettrica che può essere utilizzata per qualsiasi scopo.

In architettura, il "rivestimento di facciata" - che riguarda sia le pareti esterne sia le finestre o vetrate che permettono un'illuminazione naturale degli interni - è decisivo per l'aspetto estetico delle costruzioni.
Le ultime produzioni offrono una vasta gamma di pannelli e profilati disponibili in diverse forme e livello di trasparenza, con diverse finiture e gradi di coibentazione.

Nuovi pannelli solari, disegnati appositamente per gli appartamenti e quindi semitrasparenti, sono costituiti da vetro laminato nero e da celle fotovoltaiche, poco più sottili di un centimetro, e molto indicati per essere applicati sui balconi e le ringhiere dei condomini.

L'innovazione tecnologica permette ora di utilizzare pannelli fotovoltaici completamente trasparenti, così chiari che potrebbero sostituire il vetro delle finestre.
Il vetro fotovoltaico trasparente, infatti, oltre a produrre elettricità, consente l'ingresso della luce del sole all'interno, e impedisce al contempo la penetrazione dei raggi UVA nocivi e delle radiazioni infrarosse.

Prima, la maggior parte dei materiali prodotti non erano completamente trasparenti, ora invece è possibile scegliere un grado di trasparenza del 10%, 20%, 30% o 40% in base alla luminosità richiesta.

Un gruppo di ricercatori americani dell’Università del Michigan sta lavorando da diversi mesi ad una tecnologia che potrebbe finalmente permettere di trasformare le finestre di casa in una vera e propria fonte energetica pulita e rinnovabile.
Si tratta addirittura di un materiale plastico in grado di convertire in energia elettrica i raggi solari tramite un sofisticato concentratore solare luminescente, che mantiene inalterata la trasparenza del materiale utilizzato riproducendo uno strato trasparente del tutto simile al vetro.

Ma in Germania da tempo si sperimentano nuovi pannelli solari ultra-sottili che utilizzano l'efficienza delle celle solari organiche opache di ultima generazione, ormai molto più trasparenti di quelle standard tipicamente realizzate in silicio.

Non sono tecnologie ancora perfette, ma queste innovazioni aprono spazi all’utilizzo di risorse energetiche rinnovabili in scala più ampia.

Intanto un team di ricerca del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano-Bicocca ha sviluppato nuove finestre solari super efficienti mediante nanoparticelle fluorescenti che che assorbono la luce solare e la riemettono all’interno della lastra. Poi, piccole celle solari poste lungo il perimetro della finestra raccolgono la luce intrappolata, convertendola in elettricità.

Con questi concentratori solari a nanoparticelle altamente performanti, sarà possibile nel breve periodo realizzare finestre fotovoltaiche o altri elementi architettonici flessibili e semi-trasparenti, così da rendere più parti di un edificio veri generatori di energia solare.

Ing. Enzo Ritto

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?