In attesa di un provvedimento sul regime fiscale e previdenziale per le Società tra professionisti (STP), il CdA della Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (INARCASSA) ha deliberato di assimilarle provvisoriamente alle Società di Ingegneria.

Per le Società Tra Professionisti cambia, infatti, il presupposto soggettivo, mentre rimane identico il presupposto oggettivo [art. 90 c.2 lett. a) D.Lgs. 12/04/2006 n. 163]:

- Presupposto(requisito) soggettivo: costituzione di società esclusivamente tra professionisti iscritti negli appositi albi previsti dai vigenti ordinamenti professionali, nelle forma delle società di persone di cui ai capi II (società semplice), III (società in nome collettivo) e IV (società in accomandita semplice), del libro V del codice civile ovvero nella forma di società cooperative di cui al capo I del titolo VI del libro quinto del codice civile.

- Presupposto(requisito) oggettivo: avere nell’oggetto sociale attività professionali quali studi di fattibilità, ricerche, consulenze, progettazioni o direzioni dei lavori, valutazioni di congruità tecnico-economica, studi di impatto ambientale.

Pertanto le STP sono tenute ad applicare la maggiorazione del 4% sulle fatture relative alla attività di ingegneria e di architettura, a versarne il corrispettivo ad Inarcassa a titolo di contributo integrativo e a comunicare alla Cassa stessa l'ammontare del volume di affari prodotto annualmente.

I soci ingegneri e/o architetti invece non sono tenuti ad alcun adempimento diretto (contributo soggettivo e di maternità).
Riferimenti legislativi sull'argomento: L. 183/2011 art. 10 e D.M. 8/2/2013 n. 34.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?