Trattasi del risultato dell'attività di più un anno del gruppo di lavoro dell'Associazione di Confindustria che rappresenta le società di ingegneria e di architettura avviato dall'ex consigliere OICE Giorgio Galli e poi coordinato dal consigliere OICE con delega per l'ambiente Francesco Ventura.

In apertura dei lavori della presentazione ufficiale, è stato Riccardo Di Prete (VDP) a illustrare nel dettaglio i contenuti della pubblicazione OICE.

Mario Nobile, Direttore Generale per i sistemi informativi e statistici del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ha annunciato che è ormai in fase di definizione finale il decreto ministeriale che individuerà gli standard per le smart roads di interesse nazionale e ha sottolineato come il costo degli investimenti in tecnologie legate alle infrastrutture è comunque ancora molto basso. Per Nobile: "È la mancanza di standards a rendere difficile il decollo delle smart city e in prospettiva occorrerà porre molta attenzione all'integrazione delle infrastrutture naizonali con quelle delle città".

Andrea Gumina, Expert on Innovation, G7 Sherpa Unit, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha illustrato le linee di azione sulle smart city che si stanno portando avanti nell'ambito del G7 evidenziando l'impatto che le tecnologie possono avere sui profili sociali e sulla pianificazione delle città che, in questo ambito, sono veri e propri laboratori in cui si misurerà l'evoluzione degli stili di vita futuri. "Occorre però - ha detto Gumina - visione, strategia e, poi, scelte politiche che abbiano un orizzonte temporale non a 5, ma a 30 anni per evitare strappi in una società non ancora matura e questo necessita un'accorta Cabina di regia che coordini tutti gli interventi".

Luigi Carrarini, Responsabile Infrastrutturazione Tecnologica ed Impianti ANAS, ha illustrato i dettagli del programma smart roads di ANAS che fino al 2020 investirà 160 milioni su 3000 km di rete (circa 1/10 del totale).

Alessandra Porro, collaboratrice di Valentino Sevino, Direttore dell'Agenzia Mobilità pianificazione Ambientale AMAT di Milano, che ha contribuito con Filippo Salucci alla stesura di un capitolo del libro, ha invece illustrato quanto fatto dall'Agenzia per la mobilità del Comune di Milano nel settore della mobilità e dei trasporti.

Andrea Pasotto, collaboratore del Prof. Carlo Maria Medaglia di Roma Servizi per la mobilità, ha presentato la Centrale della Mobilità dell'Azienda capitolina come "il cuore di un sistema integrato, avente le principali funzioni di monitoraggio, gestione e controllo del traffico urbano, gestione dei processi sanzionatori e infomobilità"; ha poi descritto i principali progetti di Roma Servizi per la mobilità: dal car sharing al servizio Chiamataxi, dalla mobilità elettrica ai servizi di mobility management, mirati ad offrire soluzioni e strumenti di mobilità sostenibile e alternativi all’'auto privata.

Giorgio Martini, Autorità di Gestione del PON METRO - Agenzia Coesione Territoriale, ha esposto i contenuti del programma PON metro che destina 900 milioni per interventi dei comuni sui temi dell'agenda digitale e delle smart city con una particolare attenzione al tema della mobilità.

I lavori sono stati conclusi dall'intervento di Anna Donati, Coordinatrice Gruppo mobilità, Kyoto Club, che ha raccontato alcune interessanti esperienze vissute come assessore alla mobilità per indicare quanto sia importante l'integrazione e il coordinamento dei piani nel complesso cammino verso la smartness nelle nostre città.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?