La Regione Emilia-Romagna, riconoscendo la necessità di realizzare un solido sistema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro attraverso lo sviluppo di azioni e interventi, nirati alla riduzione (se non totale eliminazione) della elevata incidenza degli infortuni nell’ambito dei cantieri edili, ha approvato l'Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall’alto nei lavori in quota.

Con l'attuale atto, a far data dal 31 gennaio 2015, decorre l’obbligo d’installazione dei dispositivi permanenti di ancoraggio, sulle coperture e sulle ampie e/o continue pareti a specchio degli edifici, con lo scopo di ridurre i rischi d’infortunio in occasione di accesso, transito, esecuzione di lavori futuri.

I dispositivi di ancoraggio installati sono un elemento del sistema di protezione contro le cadute dall’alto, poiché è sempre obbligatoriamente previsto l’utilizzo da parte del lavoratore di un Dispositivo di Protezione Individuale (DPI) contro le cadute dall’alto.

Le linee di indirizzo regionale, infatti, costituiscono un’integrazione alla normativa già in vigore e sono volte ad assicurare che l’operatore possa operare sul coperto in condizioni di sicurezza tali da prevenire il rischio di caduta.

L’installazione dei suddetti dispositivi di ancoraggio non esonera, comunque, il committente dei lavori ed il datore di lavoro dell’impresa esecutrice dalla valutazione dei rischi tenendo conto della priorità dell’utilizzo delle misure di protezione collettive rispetto a quelle individuali ai sensi dell’art. 15 del D.Lgs. 81/08.

L'atto di indirizzo e coordinamento regionale si applica agli edifici pubblici e privati quando si intendono realizzare:
- interventi di nuova costruzione;
- interventi riguardanti l’involucro esterno (pareti esterne perimetrali e/o coperture) di edifici esistenti assoggettati a titolo abilitativo;
- interventi riguardanti l’involucro esterno (pareti esterne e/o coperture) di edifici esistenti non assoggettati a titolo abilitativo ma ad obbligo di comunicazione con Notifica Preliminare ai sensi dell’art. 99 del D.Lgs. 81/2008.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?