Così titola un commento del Presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Armando Zambrano, in merito alla sentenza del Consiglio di Stato che ha dato torto agli avvocati circa la reintroduzione della vincolatività dei minimi tariffari contenuta in una circolare del Consiglio nazionale forense.
Oramai ci si deve convincere che il "dado è tratto" e non si torna indietro.

E bene fanno gli Ordini professionali nazionali a sentenziare che "la soluzione sta nel definire standard di prestazione e corrispettivi economici che orientino la committenza privata, nel rispetto del principio di concorrenza".

L'occasione è partita dalla sentenza n. 1164 del 22 marzo 2016 del Consiglio di Stato che ha confermato la multa di quasi un milione di euro inflitta al Consiglio nazionale forense dall’Antitrust.
Il motivo della sanzione partiva dalla violazione delle regole sulla concorrenza, scattata in seguito all'adozione di due decisioni volte a limitare l'autonomia dei professionisti: una circolare con la quale sarebbe stata reintrodotta la vincolatività dei minimi tariffari; e anche il parere con il quale il Cnf avrebbe limitato l'impiego di un canale di diffusione delle informazioni (Amica Card).

A seguito di ciò il TAR del Lazio aveva in parte accolto il ricorso degli avvocati, dimezzando la sanzione, ma il Consiglio di Stato, di diverso avviso, ha ripristinato la sanzione originaria.

"Questa – ha dichiarato Armando Zambrano, come si legge sul sito ufficiale del CNI – è una sentenza che va commentata su due piani differenti. Non c’è dubbio che sul mercato privato noi professionisti abbiamo un problema. Se nel settore pubblico la normativa consente di stabilire un corretto rapporto tra l’attività professionale prestata e il rispettivo valore economico, in quello privato l’abolizione delle tariffe ci ha privati di punti di riferimento. In tal senso è necessario un intervento e noi professionisti tecnici siamo pronti a fare la nostra parte".

"Tuttavia – ha continuato Zambrano – non chiediamo il ripristino dell’obbligatorietà dei corrispettivi, semplicemente perché allo stato occorre una forte apposizione anche ideologica a questa ipotesi, basata su un contestabile principio di “libera” concorrenza.
A nostro avviso la soluzione non sta nel ripristino della tariffa professionale ma nella definizione di standard di prestazione e di corrispettivi economici, in modo da orientare e garantire adeguatamente la committenza privata. Ciò proprio sulla scorta dell’esperienza già maturata nel settore pubblico e nel pieno rispetto della normativa sulla concorrenza e del principio di parità di trattamento".

Mara Zenoli

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?