L'assessore regionale ai Lavori pubblici del Friuli Venezia Giulia Mariagrazia Santoro ha presentato ieri, al seminario "Costruire ai tempi del Patto di stabilità", i contenuti della legge regionale 13/2014 (Misure di semplificazione dell'ordinamento regionale in materia urbanistico-edilizia, lavori pubblici, edilizia residenziale pubblica, mobilità, telecomunicazioni e interventi contributivi), entrata in vigore lo scorso 24 luglio per dare risposta alle istanze di sburocratizzazione delle procedure e di certezza normativa.

"In materia di semplificazione edilizia e urbanistica abbiamo fatto quanto promesso".
"Questo è il primo risultato normativo del lavoro svolto assieme ai vari interlocutori oggi presenti. È grazie all'apporto di tecnici, Enti locali, associazioni di categoria, che abbiamo portato al Tavolo della Regione importanti e indispensabili proposte per redigere questa norma. Non è una riforma - ha dichiarato Santoro - ma una risposta immediata alla richiesta di semplificazione e non è nemmeno una deregulation, ma la costruzione di un apparato normativo rinnovato che si esplicita spesso nel dare certezza alle competenze degli Enti locali e dei Comuni in particolare".

"Ora ci aspettano le vere riforme sulla pianificazione territoriale, sull'edilizia, sul piano del paesaggio, e contemporaneamente arriveremo all'approvazione dei regolamenti attuativi della legge", ha sottolineato Santoro, ricordando che il primo di questi regolamenti, quello sulla semplificazione delle procedure in materia antisismica, sarà discusso oggi in commissione consiliare.

"Il sistema regione ha risposto in maniera ottimale a questa sfida - ha concluso l'esponente della Giunta Serracchiani - dimostrando che siamo attrezzati per affrontare un momento di crisi difficile con strumenti adeguati. Il prossimo passo sarà garantire agli Enti locali la strada per arrivare all'aggiudicazione provvisoria delle opere pubbliche nei tempi utili a poter partire con i lavori non appena venga fornito un nuovo spazio finanziario rispetto ai vincoli del Patto di stabilità".

Nel corso della presentazione, moderata dal presidente dell'ANCI regionale Mario Pezzetta, è stata sottolineata la necessità di proseguire la strada delle riforme con il metodo della collaborazione partecipativa. Proprio Pezzetta, sottolineando che questo metodo nel caso della legge regionale 13/2014 ha consentito di risolvere importanti aspetti sull'utilizzo dei finanziamenti per le opere pubbliche , ha ribadito l'interesse dei Comuni ad utilizzare appieno la propria autonomia regolamentare ai fini della chiarezza nell'applicazione delle norme.

Fonte: Regione FVG

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?