Ora si può dire che Stonehenge non è l'unico monumento neolitico della Gran Bretagna. Il famoso sito archeologico ha infatti 'un fratello maggiore': un'enorme complesso di megaliti che si trova a circa due miglia a nord-est.

Un team di archeologi proveniente da tutta Europa (Birmingham University, Bradford University, St. Andrews University, Nottingham University, l'Università di Gand in Belgio e il Ludwig Boltzmann Institute in Austria) utilizzando potenti radar che penetrano nel terreno, ha scoperto, infatti, a più di 4 metri di profondità, 50 grosse pietre disposte lungo una linea di circa 330 metri.

"Fino ad ora, non avevamo assolutamente idea che le pietre fossero lì," ha detto il co-direttore del progetto, il professor Vince Gaffney. Le prove geofisiche raccolte dagli studiosi mostrano che ogni pietra è lunga circa tre metri e larga uno e mezzo. I grossi massi, a differenza di quelli di Stonehenge non sono posizionate in verticale ma in orizzontale. Tuttavia - hanno spiegato gli archeologi - è possibile che in origine fossero disposti in verticali, proprio come le altre pietre 'erette' in Gran Bretagna.

Le pietre, secondo i calcoli degli studiosi, sarebbero state portate nel sito poco prima del 2500 a.C. e pare che formassero il braccio meridionale di una specie di 'recinto' per i rituali fatto a forma di C. Il complesso fu poi modificato e reso circolare. Noto ora come il 'Durrington Walls' è stato definito il più grande complesso preistorico della Gran Bretagna, e sembra fosse grande 12 volte più di Stonehenge.

La scoperta delle pietre sepolte - come riporta The Independent - fa parte di una indagine archeologica molto più ampia che ha coinvolto tutta la zona in cui si trova l'area sacra di Stonehenge.
In totale, sono stati esplorati circa 4,5 chilometri quadrati di paesaggio sepolto, una ricerca che ha richiesto 4 anni di lavoro. Ora gli archeologi hanno intenzione di analizzare le nuove scoperete per capire quale sia la relazione tra tutti questi reperti e sperano di capire che funzione avessero e come venissero usati.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?