"E’ stato approvato all’unanimità dall’Assemblea del Senato della Repubblica italiana il disegno di legge "Interventi per il sostegno della formazione e della ricerca nelle scienze geologiche".

L’approvazione del disegno di legge, giunta a valle di un lungo e travagliato iter parlamentare, è avvenuta in concomitanza di uno dei principali eventi della drammatica sequenza sismica che sta mettendo a durissima prova le popolazioni e il patrimonio storico e culturale di una delle aree più belle e preziose del nostro paese e che ha nuovamente riportato al centro dell’attenzione generale la fragilità del territorio italiano e la sua elevata esposizione ai rischi geologici.

Ne danno notizia Francesco Peduto, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi ed Elisabetta Erba, Presidente della Società Geologica Italiana:
"I numerosi interventi che prima della votazione finale si sono succeduti nell’Aula del Senato hanno espresso da parte di tutte le forze politiche la forte consapevolezza della necessità che la ricerca e la formazione nelle scienze geologiche rappresentano un elemento essenziale per la conoscenza e salvaguardia del nostro territorio così esposto ai rischi naturali."

Tuttavia il percorso parlamentare del disegno di legge non è ancora concluso e un ulteriore allungamento dei tempi di approvazione del disegno di legge alla Camera dei Deputati rischia di vanificare quanto di buono è stato fatto finora.

"Pertanto la Società Geologica Italiana, il Consiglio Nazionale dei Geologi e l’intera comunità delle Scienze Geologiche italiane nel ringraziare e apprezzare quanto manifestato da tutte le forze parlamentari nell’Aula del Senato auspicano fortemente una rapida approvazione del disegno di legge alla Camera dei Deputati“.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?