Sono giorni ormai, dopo l'ultimo disastroso terremoto, che si parla di mancanza di prevenzione antisismica in Italia.
E ogni tanto anche i politici si ricordano dei professionisti attenti a ciò che avviene periodicamente nel nostro Paese.

Anni fa, l'architetto Aldo Loris Rossi, docente di Progettazione Architettonica alla Facoltà di Architettura dell’Università di Napoli, aveva rivolto alla classe politica italiana una rivoluzionaria e forse anche utopica proposta: rottamare la cosiddetta "spazzatura edilizia post-bellica", perché di nessun interesse storico, ma ancor di più perché assolutamente carente di qualsiasi caratteristica antisismica.

Potrà l'Italia, già colpita ormai da decine e decine di sismi distruttivi, conscia della sua incapacità di controllo pubblico, carente nelle varie strutture preposte (enti locali che non svolgono serie indagini sul rischio sismico degli edifici nei rispettivi territori), potrà mai valutare in questi frangenti una simile drastica soluzione?

L'idea dell'anziano professore non è poi tanto balzana, visto che secondo la sua proposta lo Stato riuscirebbe addirittura a risparmiare - oltre alle preziose vite umane - anche i tanti miliardi da destinare alle varie emergenze.

Abbattere per ricostruire

L'idea dell'architetto Aldo Loris Rossi può essere valida?
Si tratterebbe di una gigantesca operazione di rottamazione che potrebbe avere tre vantaggi: rimettere in moto l’economia con la nuova edilizia, ricostruire abitazioni più belle e funzionali, e soprattutto avere l’opportunità di realizzare edifici moderni e antisismici.

Ci sono tanti studi geologici che hanno ampiamente analizzato gli eventi del passato, e tra l'altro forniscono tutte le informazioni necessarie per prendere una così drastica decisione.

Ma ci vuole coraggio, molto coraggio politico.

Arch. Lorenzo Margiotta

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?