L’abolizione dei minimi tariffari in Italia ha portato alla creazione di un mercato professionale falsato e non basato su una reale tutela della concorrenza, dove si gioca al massimo ribasso dei compensi.
Si dovrebbe, pertanto, ripristinare un sistema virtuoso che garantisca sia i cittadini, che devono poter usufruire sempre di servizi di prima qualità, sia i professionisti, che in gran parte hanno un reddito inferiore ai 15 mila euro lordi annui”
I professionisti di tutta Italia a Roma (13 maggio) in una grande manifestazione che, promossa dal Comitato “Noiprofessionisti” e da varie Istituzioni e Associazioni , ha fatto sentire la voce univoca dei tanti professionisti italiani, che rappresentano il 13% del PIL del Paese.

L'obiettivo, chiedere al Legislatore l'introduzione di una legge sul Giusto Compenso per le prestazioni professionali, soprattutto per garantire ai cittadini servizi sicuri e di eccellente qualità.
Architetti, Ingegneri, Avvocati, Medici e Dentisti, e altre categorie di Professionisti, si sono riuniti per la prima volta nella storia e hanno manifestato insieme per chiedere di superare la legge che hanno abolito i tariffari minimi.

Con questo provvedimento l'Italia ha svenduto il lavoro di centinaia di migliaia di professionisti a vantaggio delle multinazionali, delle grandi imprese e dei poteri forti.
A farne le spese sono soprattutto i cittadini, che subiscono un calo drastico della qualità delle prestazioni ricevute a causa dell’impossibilità di sostenere, per i bravi Professionisti, i costi di strutture e formazione di alto livello.

E' arrivato il momento di invertire questa tendenza e di fermare chi ha giocato al ribasso con i soldi e le aspettative degli italiani. Solo il ripristino di un giusto e trasparente compenso potrà garantire servizi d'eccellenza.
Lo si deve anche ai Giovani Professionisti di oggi e di domani. Sono i primi ad avere il diritto a vivere e lavorare in un Paese che possa valorizzare, sostenere e credere nelle loro qualità. Se non si agisce subito vedremo altri talenti migrare all'estero a danno del nostro Paese.
Tutti uniti a rivendicare un ruolo più rilevante per il futuro delle nostre Professioni.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?