E' positiva la valutazione dei presidenti dei Consigli nazionali di architetti, chimici, dottori agronomi e dottori forestali, geologi, geometri, ingegneri, periti agrari, periti industriali e tecnologi alimentari sul provvedimento di riforma del comparto contenuto nella cosiddetta Manovra bis.

Riordino delle professioni al viaIl decreto legge anticrisi va finalmente verso una vera modernizzazione del comparto ordinistico. I presidenti degli Ordini, riuniti ieri a Roma, hanno manifestato (in maniera unitaria) un sostanziale consenso verso l’art. 3 del Dl 138 del 2011 che non solo mantiene i principi su cui si basa il sistema ordinistico italiano, ma fissa anche le linee generali per una riforma organica delle professioni.

E' quindi un pieno accoglimento, da parte delle professioni di area tecnica, della Manovra bis. Il provvedimento in esame introduce, infatti, un riordino complessivo della materia, dando un impulso concreto di ammodernamento al sistema Paese finalizzato allo sviluppo e al superamento della crisi economica. Tutto attraverso il principio di responsabilità.

A questo punto tutti gli Ordini concordi dovranno farsi carico, senza interruzioni di sorta, di promuovere una riforma del quadro professionale che risponda a criteri di semplificazione e razionalizzazione.
Ma l’obiettivo dovrà essere anche quello di andare verso l’introduzione di misure in grado di rimuovere ciò che penalizza le professioni rispetto a tutte le altre attività economiche, e cioè la possibilità di svolgere l’attività in forma societaria tipica, salvaguardando – a garanzia del cittadino e della collettività – l’autonomia e l’indipendenza di giudizio, intellettuale e tecnico, del professionista.

La seconda manovra finanziaria estiva (decreto-legge n. 138/2011) stabilisce infatti (art. 3, comma 5) nuove disposizioni volte a favorire la liberalizzazione del settore delle professioni ispirandosi esplicitamente ai principi di libera concorrenza.
In generale, si prevede, fermo restando l'esame di Stato per l'accesso alle professioni regolamentate, che gli ordinamenti professionali debbano garantire che l'esercizio dell'attivita' risponda senza eccezioni ai principi di libera concorrenza, alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale, alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l'effettiva possibilità di scelta degli utenti nell'ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi offerti.

L'art. 3, comma 5, più in particolare, detta una serie specifica di principi cui deve essere informata la prossima riforma degli ordinamenti professionali (da attuare entro 12 mesi dalla vigenza del provvedimento) ovvero:
a). libertà dell'accesso alla professione, ed impossibilità, in forza di una disposizione di legge, di limitare territorialmente il numero di persone abilitate ad esercitare una certa professione salvo ciò risponda a ragioni di interesse pubblico e non introduca una discriminazione diretta o indiretta basata sulla nazionalità o, in caso di esercizio dell'attività in forma societaria, della sede legale della societa' professionale;
b). obbligo per il professionista di seguire percorsi di formazione continua permanente;
c). adeguamento del tirocinio all'esigenza di garantire lo svolgimento effettivo dell'attività formativa ed il suo costante adeguamento alle esigenze di miglior esercizio della professione;
d).  pattuizione scritta del compenso professionale al momento del conferimento dell'incarico, prendendo a riferimento le tariffe professionali;
e). obbligo, per il professionista, di stipulare idonea assicurazione a tutela del cliente, per i rischi professionali;
f). previsione di organismi disciplinari terzi, separati da quelli di natura amministrativa;
g). libertà di pubblicità informativa sulla specializzazione professionale, struttura dello studio e compensi richiesti per le prestazioni.

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?