Da ieri è entrata in vigore la riforma del condominio, una legge di modifica alle regole che interessano milioni di cittadini e alcune migliaia di amministratori condominiali.

Numerose le disposizioni che riguardano l'Amministratore:
. Nomina obbligatoria quando i condòmini sono più di otto.
. Possesso di polizza di R.C. professionale su richiesta dell’assemblea.
. Passaggio di consegne senza ulteriore compenso.
. Rinnovo tacito dell’incarico annuale, salvo delibera di revoca.
. Specifica analitica delle competenze all’atto della nomina o rinnovo, pena la nullità dell’incarico.
. Nomina di amministratore anche per i casi di edilizia popolare ed economica e residenziale pubblica.
. Obbligo per l’amministratore di adempiere agli obblighi fiscali del condominio.
. Redazione del rendiconto entro 180 giorni.
. Possesso di requisiti morali pena la revoca: assenza di precedenti reati contro il patrimonio, non deve essere stato sottoposto a misure di prevenzione e non deve risultare protestato.
. Possesso di requisiti professionali: diploma di scuola media di secondo grado e corso di formazione e aggiornamento professionale.

Questi, invece, gli adempimenti immediati che deve compiere l’Amministratore in carica al momento dell’entrata in vi vigore dell’attuale legge di riforma:

- Costituire il registro di anagrafe condominiale (art. 1130, n. 6, c.c.) richiedendo ai condomini le informazioni necessarie a tal fine: generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali (es. : usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie) e di diritti personali di godimento (es.: locazione, comodato), comprensive del codice fiscale e dellaresidenza o domicilio; i dati catastali di ciascuna unità immobiliare; “ogni datorelativoalle condizioni di sicurezza” (come testualmente recita la legge).
- Costituire il registro di nomina e revoca dell'amministratore (art. 1130, n. 7,c.c.) annotandovi il proprio nome e cognome, la data di nomina, nonché gli estremi del decreto in caso di provvedimento giudiziale. Ove si tratti di società andrà indicata “la sede legale e la denominazione” (art. 1129, secondo comma, c.c.).
- Costituire il registro di contabilità (art. 1130, n.7,c.c.) per l’annotamento “in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell’effettuazione” dei “singoli movimenti in entrata ed in uscita” (precitato art. 1130, n. 7,c.c.).
- Allegare al registro dei verbali delle assemblee il regolamento di condominio, ove esistente (art. 1130, n. 7, c.c.)
- Aprire, ove non si fosse ancora provveduto, un conto corrente bancario o postale intestato al condominio (art. 1129, settimo comma, c.c.)

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?