Le ragioni dell'ambiente e dell'impegno civile e sociale sono intimamente connesse con l'arte di Riccardo Dalisi perché esprime in maniera inconfondibile l'attenzione verso le risorse naturali e la valorizzazione del territorio.

Sono gli stessi valori alla base del Progetto Paestumanità: liberare i terreni nella zona archeologica di Paestum, acquistandoli da chi li usa in maniera incompatibile con la tutela e valorizzazione del bene e del suo territorio, per restituirli all'umanità.

Unire in un abbraccio ideale la bellezza moderna con quella antica è il pensiero che ha dato vita alla mostra Dalisi per Paestumanità, dal 20/6 al 3 luglio a Roma, Galleria Utopia.

Il maestro Dalisi, da sempre vicino agli obiettivi e alle battaglie di Legambiente, ha realizzato e donato a sostegno del progetto Paestumanità pezzi unici nati da materiale poverissimo: 8 sagome di cartone, messe a disposizione dalla ditta Sabox di Nocera Inferiore che lo produce da carta da macero.
Le opere esprimono quel mondo fantastico e gioioso che sempre caratterizza l'espressione artistica di Dalisi.

Riccardo Dalisi introduce, nel design il folclore, la manualità artigianale, i materiali antichi. Nei suoi progetti, ha sempre concepito spazi modellati sulle forme viventi e sull'idea di trasformazione; "forse la più famosa delle metamorfosi è quella che ci racconta Collodi, di Pinocchio nel paese dei balocchi", ama ribadire Dalisi che ha applicato la sua idea-guida nell'architettura aperta di scuole e case, come nella progettazione di mobili e oggetti d'uso comune.

I lavori di Dalisi, in mostra nella capitale, saranno in vendita e il ricavato finanzierà il progetto Paestumanità.

Note Biografiche

Riccardo Dalisi, classe 1931, architetto, design e artista a tutto tondo, è nato a Potenza, ma è napoletano di adozione. Non ha mai voluto lasciare la città partenopea, che gli ha offerto spunti e luoghi per esprimere al meglio la propria idea di ecosostenibilità, precorrendo i tempi sui concetti di riciclo, decrescita e eco compatibilità, di cui ha informato la sua arte, senza mai trascurare l’uomo e la realtà.

Da sempre impegnato nel sociale, Dalisi è stato tra i primi artisti italiani a formulare il concetto di sostenibilità applicato al design industriale. Nel 1981 ha vinto il prestigioso Compasso d’Oro per il design della caffettiera napoletana Alessi.

Il lavoro di ricerca si è sempre concentrato sul "design povero", sperimentando animazioni con la partecipazione di bambini, anziani, artigiani di quartieri in difficoltà (resta fondamentale l’esperienza con i bambini del Rione Traiano, con gli anziani della Casa del Popolo di Ponticelli e negli ultimi anni, l’impegno con i giovani del Rione Sanità di Napoli e per le botteghe di Rua Catalana), unendo così il suo amore per la ricerca e la sua vocazione artistica, alla didattica e all’impegno politico e sociale. Artista e designer di rilievo internazionale, i suoi lavori sono presenti in numerose collezioni private e nei più prestigiosi Musei europei e d’oltreoceano.

Galleria Utopia - Via degli Zingari, 39 tel./fax 06 4743286 cell. 348 7039322

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?