Il Consiglio dei Ministri di ieri ha approvato il disegno di legge sulla delega fiscale.
Uno dei capitoli del disegno di legge, “equità e razionalità del sistema”, prevede la revisione del catasto dei fabbricati.

Revisione del catasto dei fabbricatiLa norma prevede di adeguare gradualmente i valori a fini fiscali degli immobili ai prezzi di mercato, "non è una cosa di quest'anno e prenderà tempo", secondo quanto ha dichiarato al Senato il vice ministro dell'Economia Vittorio Grilli.

La revisione del catasto dei fabbricati,così come si legge nella nota del Governo, sarà attuata in collaborazione con i Comuni e l’Agenzia del territorio, con l’obiettivo di attribuire a ciascuna unità immobiliare il relativo valore patrimoniale e la rendita.

Con la riforma si vuole ridefinire i fabbricati in base non solo a valori ma anche a criteri più aggiornati: localizzazione, qualità dell’immobile e superficie in metri quadri.

Per le unità immobiliari urbane saranno applicati i seguenti principi e criteri direttivi:
(1) riferimento ai rispettivi valori medi ordinari espressi dal mercato in un arco temporale triennale antecedente alla nuova determinazione;
(2) definizione degli ambiti territoriali del mercato immobiliare;
(3) rideterminazione delle destinazioni d’uso catastali ordinarie e speciali;
(4) determinazione del valore patrimoniale medio ordinario.

La rendita media ordinaria per le unità immobiliari sarà valutata attraverso l’analisi delle statistiche sui valori di mercato; inoltre sono previsti meccanismi di adeguamento periodico dei valori e delle rendite delle unità immobiliari.

Infine, per evitare che la revisione delle rendite catastali causi un aggravio del carico fiscale, è prevista la contestuale riduzione delle aliquote.
Infatti "davanti a una rivalutazione del valore patrimoniale degli immobili ci sarà una revisione verso il basso dei coefficienti in modo che la tassazione resti invariata", ha spiegato Grilli.

Tutti noi però non ci crediamo, perchè altrimenti a cosa servirebbe una tale riforma se non a fare subito cassa?

Eleonora Tamari
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?