L'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, in bozza, lo schema di Certificazione Unica (Cu 2015), il nuovo modello che dal 2015 sostituirà il Cud, dove potranno confluire tutti i redditi corrisposti nel 2014, sia quelli da lavoro dipendente e assimilati, sia quelli finora certificati in forma libera.

Dal prossimo anno i sostituti d’imposta avranno un solo modello per attestare sia i redditi: compileranno un solo frontespizio contenente i propri dati, le informazioni anagrafiche del contribuente e il prospetto dei figli e degli altri familiari a carico del dipendente o pensionato in relazione ai quali sono state riconosciute le detrazioni per carichi di famiglia.

La grande novità è che i sostituti d'imposta, oltre che consegnare la certificazione ai propri dipendenti e collaboratori, dovranno anche trasmetterne i dati all'Agenzia entro il 9 marzo 2015.

Inoltre, ai destinatari tradizionali del documento, costituiti da lavoratori dipendenti e percettori di redditi assimilati, sono state aggiunte nuove categorie: lavoratori autonomi, percettori di provvigioni e percettori di redditi diversi soggetti a ritenuta, a titolo d'acconto o di imposta.

Il CUD

Il Cud era la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, assimilati (per esempio, compensi percepiti da soci di cooperative di produzione e lavoro, remunerazioni dei sacerdoti, assegni periodici corrisposti al coniuge) e di pensione che il datore di lavoro, o l’ente pensionistico, rilascia ai propri dipendenti o pensionati per attestare le somme erogate e le relative ritenute effettuate e versate all’Erario.

Quando si era esonerati

"Il contribuente che nell'anno ha percepito soltanto i redditi riportati nel Cud o è titolare di uno o più trattamenti pensionistici, è esonerato dalla presentazione all'Agenzia delle Entrate della dichiarazione dei redditi, a condizione che il sostituto d'imposta abbia eseguito correttamente il conguaglio delle imposte."

"Il contribuente esonerato può scegliere di presentare ugualmente la dichiarazione dei redditi se, per esempio, nell'anno ha sostenuto oneri che intende portare in deduzione dal reddito o in detrazione dall'imposta (per esempio, spese mediche, interessi sui mutui, ecc.)."

Fonte: Agenzia Entrate

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?