Realismo degli anni VentiInaugurata al Centro Saint Bénin di Aosta la mostra Carlo Carrà: il realismo lirico degli anni Venti, risulta un’ampia rassegna dedicata al grande maestro piemontese a cura di Massimo Carrà, Elena Pontiggia e Alberto Fiz.

La mostra, aperta fino al 3 novembre 2002, comprende 60 opere tra dipinti e disegni, provenienti da collezioni pubbliche e private italiane ed internazionali.

Nell’ambito di un approfondito excursus che prevede l’esposizione di opere futuriste, metafische e primitiviste, l’attenzione è concentrata, in particolare, sugli anni del realismo lirico da cui emerge un nuovo approccio nei confronti della natura e del paesaggio.

Il progetto, dal rigoroso taglio filologico e scientifico, vuole essere l’occasione per rileggere la figura di Carrà partendo da Ritratto del padre del 1903 per giungere sino a La stanza del 1965.
In questo arco temporale vengono presentate le principali tappe della sua ricerca attraverso una serie di capolavori degli anni Dieci come Piazza del Duomo a Milano del 1910, Ritmi di oggetti del 1911, Il fiasco del 1915 e Ricordi d’infanzia del 1916 ed un’attenzione particolare alla stagione degli anni Venti ed alla ricerca postmetafisica.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?