Rapporto dal Territorio 2007La comunità scientifica analizza lo stato della pianificazione urbanistica e del governo del territorio
   
    L’Istituto Nazionale di Urbanistica (INU), ospite della Società Geografica Italiana a Villa Celimontana, presenta la quarta edizione del Rapporto dal Territorio (RdT): un appuntamento biennale divenuto consueto per la cultura urbanistica italiana e gli operatori del settore.

    Il volume - curato da Pierluigi Properzi - offre il monitoraggio delle complesse vicende pianificatorie in atto in Italia, proponendo una lettura innovativa dello stato del territorio attraverso i piani e le politiche urbane e territoriali. L’obiettivo è quello di andare al di là della “dimensione puramente quantitativa e classificatoria” della pianificazione.

    "Il Rapporto 2007 – dichiara Federico Oliva, presidente Inu – è un prodotto culturale di qualità, che conferma la tradizione di un’opera, finora ineguagliata, capace di documentare in forma sintetica la prospettiva riformista della pianificazione italiana. Secondo tale visione, il RdT può rivelarsi uno strumento di lavoro molto valido, non solo per coloro che si occupano del territorio italiano per motivi didattici, di studio o professionali, ma anche per coloro che hanno compiti di direzione politica o legislativa, regionale o nazionale".

    La pubblicazione, edita dall’Istituto Nazionale di Urbanistica "che si è fatto carico – afferma Properzi - di quello che in altri paesi è un compito istituzionale", è una summa per la quantità di dati, indagini e ricerche, costruita per l’approfondimento critico, ma anche una sintesi del cambiamento, un’istantanea inedita dell’Italia restituita attraverso le opinioni di testimoni autorevoli.

    L’occasione per la presentazione del RdT alla comunità scientifica, il prossimo 28 maggio, è il seminario annuale che l’INU tiene per discutere partendo da una serie di indicatori sintetici di: pianificazione, dotazione ambientale, coerenza territoriale, sviluppo, dotazione infrastrutturale, coesione istituzionale.

    L’evento propone un incontro disciplinare - con il coordinamento di Elio Piroddi de La Sapienza, Università di Roma - a cui partecipano Federico Oliva, Pierluigi Properzi e Simone Ombuen dell’Inu, insieme a Gaetano Fontana, Direttore ANCE, per commentare l’opera attraverso il contributo di alcuni studiosi fra i più avvezzi a redigere in Italia rapporti di valore altamente scientifico: Franco Salvatori, SGI; Giuseppe Roma, Censis; Edoardo Zanchini, Legambiente; Oriano Giovanelli, Legautonomie; Walter Tortorella, Cittalia – ANCI Ricerche; Piergiorgio Landini, Università G. d’Annunzio, Pescara; Attilia Peano, Politecnico di Torino; Michele Talia, Università di Camerino; Attilio Belli, Università Federico II, Napoli.

    Il volume, di oltre  400 pagine, la cui stesura si compone 9 capitoli e 3 parti, sarà distribuito alla stampa e ai rappresentanti del mondo scientifico, che avranno piacere di partecipare all’evento, a Roma il 28 maggio a Villa Celimontana.

E-mail: ufficiostampa@urbit.it
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?