Gli esperti parlano di estate da record, con giornate che supereranno i 45 gradi nel Sud Italia. Come proteggersi dal caldo intenso?
Sembra che la sola soluzione sia quella di procurarsi un buon condizionatore che permetta di affrontare le giornate più calde e soprattutto le notti in cui le alte temperature non vi lasceranno riposare.

L’aria condizionata un lusso? Solo il 10% degli italiani ha un sistema d’aria condizionata in casa.
Secondo un recente sondaggio condotto da “Idealista”, solo il 10% degli italiani possiede un sistema di aria condizionata in casa.

Secondo il portale, Olbia sarebbe la città italiana con la maggiore percentuale di case climatizzate (39,5%).
Valori superiori al 30% anche per Mantova (35,2%), Padova (31,6%) e Vicenza (30,8%).

A Milano la percentuale di case con sistema di climatizzazione tocca il 21,5%, mentre a Roma e Napoli si ferma rispettivamente al 14,5% e al 10,4%.

Sul fondo della graduatoria troviamo città dal clima più fresco come Cuneo e Sondrio, dove le case con impianto di aria condizionata toccano appena lo 0,6%, o Belluno con una percentuale dell’1,1%.

Sistemi di climatizzazione: quale scegliere?
ManoMano.it, primo e-commerce dedicato alla vendita di prodotti per il fai da te e il giardinaggio in Italia stila una lista di consigli per fare la scelta giusta, prendendo in considerazione una molteplicità di fattori.

Condizionatori fissi

Pratico perché rinfresca abbassando la temperatura e mantenendola stabile; comodo, poiché viene comandato tramite un telecomando, e più silenzioso rispetto ad altri sistemi perché all’interno ospita solo l’unità di ventilazione (il compressore si trova all’esterno).
Un altro vantaggio è che alcuni di questi sistemi offrono sia aria calda che fredda. Per evitare gli shock termici, si consiglia di non scendere oltre ai 5 / 8 gradi rispetto alla temperatura esterna.

I modelli più comuni per la casa sono:
- Climatizzatore con incasso a finestra: è composto da un unica unità generalmente grande, che si trova incassata nella finestra o in un foro di una parete esterna.
- Condizionatore a Split. Con un’unità interna e un unità esterna installata alla finestra o sul balcone. È consigliato perché è conveniente, silenzioso e esistono modelli a basso consumo. La sua durata è di 10 anni.
- Sistema di raffreddamento centralizzato: è possibile utilizzare la stessa canalizzazione del sistema di riscaldamento. È meno rumoroso, ma per funzionare correttamente è necessario che il sistema sia adatto alla dimensione della casa.
- Condizionatori portatili: Sono un pò più rumorosi rispetto ai modelli fissi, ma non richiedono installazione e possono essere spostati da una stanza all’altra. Adatti a stanze inferiori ai 50 m2 e ad ambienti estremamente caldi.

5 consigli per fare la scelta giusta

1. Pensa al tuo obiettivo principale: se vuoi abbassare la temperatura della casa, hai bisogno dell’aria condizionata, ma se vuoi semplicemente creare un flusso d’aria, la scelta ideale è il ventilatore.
2. Presta attenzione al meteo: Se vivi vicino al mare, meglio scegliere un impianto di climatizzazione con deumidificatore integrato; se il clima è secco, meglio optare per un sistema di aria condizionata o semplicemente per un ventilatore.
3. Considera lo spazio da climatizzare: se è uno spazio unico o una casa con stanze separate, il numero di finestre, se si dispone di isolamento termico ... Tutti i fattori sono importanti!
4. Comfort: bisogna analizzare i dettagli dei diversi sistemi e decidere quali sono importanti o essenziali per te - la rotazione di 360 °, la velocità alternata, il telecomando, il timer, la programmazione, le dimensioni, il livello di rumore, ecc.
5. Prendi in considerazione altri fattori: se vuoi beneficiare del sistema di aria calda in inverno, se non desideri un sistema che occupa spazio, un consumo energetico ridotto, ecc.

ManoMano.it nasce nel 2013 da un’idea di due colleghi di lavoro, Philippe de Chanville e Christian Raisson, grandi appassionati di fai da te. Entrambi si rendono conto che c’è qualcosa che manca nel mondo del bricolage e del giardinaggio: la scelta online di prodotti specifici per realizzare i loro progetti è molto limitata.

È così che nasce l’idea di creare ManoMano, oggi primo e-commerce dedicato al fai da te e al giardinaggio in Europa. ManoMano ha chiuso il 2016 con un volume d’affari di 90 milioni di euro e conta oltre 100 collaboratori che dalla sede parigina gestiscono le operazioni internazionali in Italia, Spagna, Belgio, Regno Unito e Germania.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?