Il progetto “Giochiamotutti” su iniziativa dell’associazione Niki Aprile Gatti onlus e di Giovanni Sestini, in collaborazione con la Pro Loco di Avezzano è stato presentato nella Sala Consiliare del Comune di Avezzano.

“Il progetto nasce dal gesto di solidarietà del “borgo Pineta Festival” che aveva deciso di regalare un gioco per disabili al Comune – dichiara Ornella Gemini presidente della Associazione – e quando siamo stati contattati, abbiamo compreso che un solo gioco non avrebbe risolto nulla invece, mettendo insieme le forze sociali e l’intera città, si sarebbe potuto creare un parco facendo così un grande lavoro. L’essenza imprenditoriale di Giovanni Sestini ha dato un grande contributo. Individuata l’area e i giochi necessari, contattando le aziende del settore, abbiamo sottoposto il progetto al Comune ed immediatamente è stato accettato. Noi non riusciamo a comprendere fino in fondo il dramma che le famiglie che vivono non vedendo un sorriso sul volto del proprio figlio che non può condividere il gioco con gli altri bambini”.

E’ il “Parco dei sorrisi” cosi è stato chiamato dal commosso Giovanni Sestini, in quanto il sorriso di un bambino è un dono prezioso. Il Parco verrà realizzato all’interno dell’area verde di Piazza Resistenza di Borgo Pineta., su proposta e concessione dell’Amministrazione comunale.
La collaborazione volontaria per la progettazione è dell’Arch. Gabriella Alessandri, dell’Arch. Francesca Chirurgi e dell’Ing. Isabella Gargale. Il rilievo con tecnologia Drone: geom Ettore Lazzaro.

Il Parco sarà inclusivo, vale a dire che ai giochi potranno accedere tutti i bambini sia quelli con disabilità che non. I giochi saranno ovviamente accessibili per i non normodotati, ma il sorriso sarà identico su ogni piccolo volto. Con il gioco cade una barriera creata con la paura dell’altro, l’attività ludica potrà essere condivisa. Ci sarà un’area di pic-nic dove si potrà mangiare insieme, ed è stata progettata anche un’area coperta per la riscoperta dei vecchi giochi e l’istallazione dei giochi sensoriali.

L’ing. Isabella Gargale ha sottolineato che il costo dell’intervento è dovuto al numero dei giochi che verranno inseriti nel parco, inoltre per le strutture adibite a WC per le disabilità e per i bambini normodotati, per le strutture coperte oltre ad una termo-struttura che consentirà di giocare anche quando piove, è di circa 80.000,00 euro a cui vanno aggiunti i lavori di preparazione delle barriere architettoniche all’interno del parco. Verranno creati dei percorsi che permetteranno ai bambini sulla carrozzina di raggiungere l’area giochi.

L’iniziativa riuscirà ad essere realizzata grazie anche alla attenzione delle realtà locali, siano esse attività commerciali ed imprenditoriali o degli stessi cittadini che, anche con un solo euro, potranno contribuire. E’ il concetto del crowdfunding vale a dire il finanziamento collettivo per il raggiungimento di un bene di utilità sociale.

Fonte: terremarsicane.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?