Arriva dalla Triennale di Milano "PALAZZO CITTERIO. PROGETTI IN MOSTRA" a cura di Caterina Bon Valsassina (Direttore Regionale della Lombardia) e Margherita Guccione (Direttore del MAXXI Architettura) dedicata alla gara per la riqualificazione del complesso di Palazzo Citterio a Milano, che oggi ha un vincitore, il progetto elaborato da Amerigo Restucci per ResAarch.

Una mostra che racconta la storia di un edifico attraverso gli anni, gli architetti che ci hanno lavorato, la stratificazione degli interventi e come, oggi, il settecentesco Palazzo Citterio si appresta a diventare un nuovo museo, nell'ambito dell'ambizioso programma della Grande Brera, che lo metterà in rete con la Pinacoteca e le altre istituzioni del polo culturale milanese.

Da quando è stato acquistato dallo Stato nel 1972, Palazzo Citterio è stato oggetto di buone intenzioni e progetti non conclusi. Realizzazioni parziali, interruzioni forzate, riprese dei lavori a distanza di anni, hanno lasciato i loro segni sul corpo dell'edificio, alcuni forti, incancellabili, altri prodotti dalla mancata utilizzazione. La mostra illustra la storia dell'edificio e ripercorre le diverse fasi, a partire dalle grandi opere di demolizione e ricostruzione intraprese negli anni Settanta, al successivo progetto Stirling e Wilford, anche esso realizzato solo parzialmente, lasciando l'edificio inutilizzato. La storia riparte nel 2013, grazie ai fondi stanziati dal Cipe, con la gara bandita dalla Direzione regionale della Lombardia, per la progettazione e la realizzazione degli interventi di restauro e riqualificazione dell'intero complesso, destinato ad essere sia la sede espositiva delle collezioni permanenti del Novecento della Pinacoteca di Brera che a ospitare mostre e manifestazioni temporanee.

"Con questa mostra" dice Margherita Guccione - il MAXXI Architettura dimostra ancora una volta il proprio interesse per il confronto progettuale, in special modo quando affronta, come in questo caso, il tema dell'intervento sull'esistente e del valore urbano degli spazi pubblici e museali.
I progetti hanno affrontato il tema delicato e molto contemporaneo di come intervenire per riannodare le molte storie presenti in un edificio storico e le strade praticabili per attuare, grazie a una progettazione di qualità, un costruttivo dialogo tra antico e nuovo".

Alla gara hanno partecipato tredici studi, provenienti da tutta Italia. Le proposte testimoniano la diversità delle filosofie progettuali, tra queste il progetto vincitore di Amerigo Restucci, caratterizzato dall'uso di materiali trasparenti, quello arrivato secondo di Michele De Lucchi dominato dall'inserimento del legno, il terzo classificato di Enrico Da Gai e Elisabetta Fabbri che introduce un unico schermo traforato.

PROGETTI IN MOSTRA: AMERIGO RESTUCCI (primo classificato), AMDL ARCH. MICHELE DE LUCCHI (secondo classificato) ENRICO DA GAI e ELISABETTA FABBRI (terzo classificato) seguono in ordine alfabetico LORENZO BERNI, ANDREA BRUNO, ANTONIO CITTERIO PATRICIA VIEL AND PARTNERS, FEIFFER E RAIMONDI, GNOSIS ARCHITETTURA, STUDIO MONTANARI & PARTNERS, PAOLO ROCCHI, ITALO ROTA, G.T.R. TORTELLI FRASSONI ARCHITETTI ASSOCIATI, EUGENIO VASSALLO.

MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
7 - 31 marzo 2014
www.fondazionemaxxi.it

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?