Continua l'esposizione "Oscar Niemeyer. Memoriali", dedicata alla memoria del celebre architetto scomparso il 5 dicembre 2012.

La mostra espone la parte meno nota, ma non meno rilevante della sua produzione: una selezione che comprende alcuni memoriali e monumenti progettati da Niemeyer tra gli anni Settanta e gli anni Duemila, presentati in ordine cronologico partendo dalle fotografie in bianco e nero del brasiliano Leonardo Finotti e da alcuni schizzi inediti provenienti dall'archivio della Fondazione Oscar Niemeyer.

In più, durante il percorso espositivo, è possibile prendere visione del film Oscar Niemeyer, an architect committed to this century, in cui si ritrovano i tratti dell'artista impegnato, che ha sempre lottato per i suoi ideali.

L'appuntamento è promosso dal Dipartimento di Architettura e progetto della Sapienza, in collaborazione con l'Ufficio culturale dell'ambasciata del Brasile a Roma, la Fundação Oscar Niemeyer di Rio de Janeiro, l'Ordine degli architetti e la Casa dell'architettura di Roma.

La mostra, curata da Nicoletta Trasi, docente presso il Dipartimento di Architettura e progetto, è allestita presso la Galleria Candido Portinari di Palazzo Pamphilj e resterà aperta fino al 12 gennaio.

Si tratta di una selezione – suggerita da Niemeyer stesso durante l’intervista che la curatrice gli fece nel 2005 – che comprende opere, realizzate “per non dimenticare”. Sono Monumenti in memoria di personalità particolarmente importanti per l’evoluzione democratica del Brasile oppure Memoriali in ricordo di eventi tragici legati alla repressione durante la dittatura militare.

Roma, Galleria Candido Portinari, Ambasciata del Brasile, Palazzo Pamphilj - Piazza Navona, 10.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?