Con la firma di 3 protocolli d'intesa (firmati da Piemonte, Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Campania, Basilicata e Puglia, insieme a Graziano Delrio e Dario Franceschini) è stato dato l'avvio al sistema delle ciclovie turistiche nazionali.

I protocolli d’intesa, concordati in questi mesi con le otto Regioni, danno il via al percorso amministrativo dei prossimi mesi di Ministeri e Regioni per la progettazione e la realizzazione delle opere.

Sono stati assegnati per il triennio 91 milioni di euro (17 nel 2016, 37 nel 2017, 37 nel 2018). Si intende così creare il sistema delle ciclovie turistiche nazionali, inserito nella legge di Stabilità 2016, cui si aggiugono circa 10 milioni messi a disposizione dalle Regioni interessate, con priorità su 4 percorsi:
- la "Ciclovia Ven-To" (680 km da Venezia a Torino lungo il fiume Po);
- la "Ciclovia del Sole" (300 km da Verona a Firenze, si aggancia alla tratta Brennero-Verona-Lago di Garda, già completata, e si estenderà fino a Roma);
- la "Ciclovia dell'Acquedotto pugliese" (500 km da Caposele-Avellino a Santa Maria di Leuca-Lecce);
- la "Grab - Grande raccordo anulare delle biciclette" (al cui protocollo d'intesa stanno lavorando Mit, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e Comune di Roma).

Sono quindi finora 1.500 km di piste ciclabili che attraversano otto regioni e saranno pronte nel 2018.
In particolare va ricordato che per completare i progetti saranno reperiti ulteriori finanziamenti anche in sede di fondi europei.

L’assessore della regione Puglia alle Infrastrutture, Giovanni Giannini, ha spiegato infatti che con il protocollo sottoscritto da “Città Metropolitana, Parco Nazionale Alta Murgia, Comuni di Gravina, Altamura e Matera abbiamo convenuto di realizzare un primo tratto del percorso ciclabile transeuropeo “EuroVelo 5” (Londra-Roma- Brindisi) tra Gravina ed Altamura (Masseria Jesce) con derivazione per Matera e connessione ciclabile tra Gravina e Castel del Monte.
Verranno utilizzate risorse FESR a carico della Regione per il tratto Gravina-Altamura.
Per il collegamento da Masseria Jesce a Gravina sarà il Comune della Città dei Sassi a farsene carico; per il collegamento tra Gravina e Castel del Monte saranno utilizzate risorse provenienti dal patto Governo-Città Metropolitana”.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?