Finalmente giungono i chiarimenti ufficiali in ordine all'applicazione delle disposizioni inerenti i servizi di progettazione e i criteri di valutazione delle offerte.

Progettazione Limiti di importo per affidamenti in economiaCon la Circolare 30/10/2012 n. 4536, pubblicata in G.U. n. 265 del 13-11-2012, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha inteso fornire alcuni chiarimenti volti alla corretta ed uniforme applicazione della normativa in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, resisi necessari a seguito di segnalazioni all'uopo pervenute su questioni di carattere ermeneutico concernenti l'applicazione delle disposizioni di cui al d.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207" (Regolamento di esecuzione ed attuazione del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, recante "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture").

1. Affidamento in economia. Limiti di importo. Servizi di architettura e ingegneria
L'art. 267, comma 10, del Regolamento stabilisce che i servizi attinenti l'architettura e l'ingegneria, possono essere affidati direttamente se di importo inferiore a 20.000 euro.  
Ma sempre con riferimento alla soglia dei 20.000 euro, dalla lettura delle norme del Codice e del regolamento sopra indicate, risultava evidente la sussistenza di un difetto di coordinamento tra le medesime disposizioni.

Pertanto la Circolare, confermando che il DL 70/2011 aveva innalzato la soglia dei 20 mila euro inizialmente prevista dal Codice Appalti, ma non aveva allo stesso tempo modificato il Regolamento attuativo, che era invece rimasto fermo al limite dei 20 mila euro, ha ribadito che - in applicazione del principio di gerarchia delle fonti, per cui le disposizioni contenute in fonti di rango primario prevalgono su quelle contenute in fonti di rango secondario - è valida la noma prevista dal Codice dei contratti pubblici e quindi sono possibili gli affidamenti diretti in economia con importi fino a 40mila euro.

2. Criteri di selezione dell'offerta per l'affidamento dei servizi attinenti all'architettura ed all'ingegneria
Pari argomentazione viene espressa in merito alle "Modalità di svolgimento della gara", per cui l’obbligo di ricorrere al criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa vige solo per le gare di importo pari o superiore a 100 mila euro.
Tal chè, in presenza di importi fino a 100 mila euro, si può scegliere liberamente tra il criterio del prezzo più basso e quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa.
 
3. La "forcella" nelle procedure ristrette relative a servizi attinenti l'architettura e l'ingegneria
La circolare chiarisce inoltre che la possibilità di ricorrere alla “forcella”, reintrodotta dal DL 70/2011,  vale nelle procedure negoziate con pubblicazione di un bando di gara, nel dialogo competitivo e nelle procedure ristrette, che sembravano invece escluse dal Regolamento attuativo.
La “forcella” consiste nella possibilità, data alle Stazioni Appaltanti, di limitare il numero di candidati invitati a presentare l’offerta in caso di opere di particolare difficoltà. Il numero dei soggetti da invitare è stabilito dal Regolamento attuativo, ma può anche essere deciso dalla Stazione Appaltante, a patto che siano rispettati i criteri dell’oggettività e della proporzionalità.
 
4. Avvalimento in servizi e forniture nei settori ordinari e speciali
La circolare chiarisce che "il legislatore per i contratti pubblici di lavori, attesa la specificità degli stessi, ha inteso chiarire che il contratto di avvalimento debba avere un oggetto determinato (quindi, per esempio, con allegazione specifica e identificata delle risorse prestate), mentre, per servizi e forniture, non essendo espressamente richiamato, e, pertanto, applicabile l'art. 88, lo stesso legislatore di rango secondario ha voluto consentire che il contratto di avvalimento possa avere anche un oggetto determinabile ai sensi dell'art. 1346 del codice civile ("L'oggetto del contratto deve essere possibile, lecito, determinato o determinabile").
Pertanto, a norma del citato art. 1346 c.c., ove un contratto abbia un oggetto indeterminato, lo stesso sara' da reputarsi nullo e quindi "mancante" a norma dell'art. 49, comma 1, lettera f) del codice dei contratti, con la conseguenza che l'avvalimento e' da ritenersi illegittimo.

5. Avvalimento e subappalto
Ulteriore problematica concerne la correlazione tra avvalimento e subappalto.
La Circolare ha chiarito le percentuali di lavori/servizi che è possibile affidare in subappalto all’impresa ausiliaria nell’ambito di un avvalimento.

6. Documenti da allegare al contratto per l'acquisizione di beni e servizi
Chiarita la possibilità data agli enti appaltanti di allegare al contratto di appalto di lavori, servizi e forniture, solo l’elenco prezzi ed il capitolato Speciale D’Appalto; mentre per tutti gli altri documenti previsti dall’art. 137, comma 3 del D.P.R. 207/2010 possono anche non essere allegati purché vengano conservati dall’ente appaltante controfirmati dai contraenti.

7. Acquisizione del DURC per i contratti di servizi e forniture di importo inferiore a 20.000 euro
Un'ulteriore problematica chiarita riguarda la possibilità per gli operatori economici che partecipano a gare di progettazione e fornitura inferiori a 20mila euro di autocertificare il rispetto degli obblighi contributivi (Durc) anche per tutti gli adempimenti di cui all’art. 6 comma 3, del D.P.R. 207/2010, fermo restando l'obbligo di controllo a campione dell'amministrazione.

8. Verifica triennale. Partecipazione delle imprese alle procedure selettive.
La circolare ha sancito la possibilità, per le imprese che abbiano richiesto la verifica triennale della SOA e stipulato il relativo contratto con la stessa prima della scadenza, di partecipare alle gare d’appalto.

9. Costi della sicurezza e utili d'impresa
Confermato definitivamente che i costi della sicurezza, "che rappresentano quella parte del costo di un'opera non assoggettabile a ribasso d'asta, sono da ritenersi comprensivi unicamente della quota relativa alle spese generali e sono privi della quota di utile di impresa, in quanto, trattandosi di costi per la sicurezza non soggetti - per legge - a ribasso d'asta in sede di offerta, sono sottratti alla logica concorrenziale di mercato".
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?