Anci Lombardia presenta un'iniziativa per affiancare e condurre i Comuni a redigere studi di fattibilità per la Fusione di Comuni.
Il progetto ha previsto l'indizione di una manifestazione di interesse tra tutti i Comuni associati della Lombardia con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti ed alle Unioni dei Comuni.

Come evidenzia il Presidente dei Dipartimento Piccoli Comuni – Montagna – Unioni di Comuni – Forme Associative dell'Associazione, Michel Marchi, "la nuova legge regionale n. 17 del 6 luglio 2017 prevede un referendum consultivo comunale in seguito all’adozione dell’avvio dell’iter di fusione da parte dei rispettivi consigli comunali di appartenenza di ogni comune facente parte del progetto di fusione”.

“Pertanto Anci Lombardia intende sostenere le attività legate a questo procedimento complesso che attiene mutamenti radicali non solo nel nuovo assetto del territorio ma che incide anche in ambiti più estesi e diffusi sulle singole comunità locali da un punto di vista storico, culturale, sociale, economico e finanziario”.

“L'affiancamento e il supporto di Anci Lombardia non prevede alcun onere per i Comuni. In questo percorso è evidente come, aldilà dei finanziamenti previsti dalle leggi nazionali, ci sono diverse implicazioni sia organizzative sia di gestione dei servizi comunali che richiedono un approccio chiaro sulle future situazioni che diverranno operative".

L'invito ai comuni è quindi quello di aderire al progetto secondo le indicazioni della manifestazione di interesse e compilando il MOD 1 con tutti gli allegati richiesti.
La scadenza per aderire è fissata entro le ore 12 del 29 giugno 2018.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?