Il mercato immobiliare Italiano sta vivendo una sostanziale situazione di crisi, come confermano anche i recenti dati rilasciati dall’Istat che, oltre al crollo del 23,6% delle compravendite, fotografano anche un trend al ribasso dei volumi erogati di mutui con un significativo -41,2% nel corso del secondo trimestre 2012.

Prima casa richieste dei mutui in aumentoAlla luce di questo scenario, l’Osservatorio di Casa.it (www.casa.it - il portale immobiliare italiano con oltre 700.000 annunci e più di 4.700.000 di Utenti Unici al mese), ha voluto approfondire l’andamento di questo particolare fenomeno andando ad analizzare le richieste di mutui generate dal sito Casa.it.

Dall’analisi dei dati emerge come, in controtendenza con il minor volume di mutui erogato, nel mese di novembre 2012 si è assistito ad un incremento delle richieste di mutui + 7% rispetto a sei mesi fa. Un dato che si spiega con il fatto che il numero di famiglie impegnate nella ricerca della casa resta elevato, quasi un milione secondo l’ultimo rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese, ma di queste sempre meno sono in grado di affrontare l’investimento dell’acquisto di una nuova abitazione senza fare ricorso ad un mutuo.

Passando ad analizzare in modo più approfondito le tipologie di mutuo più richieste, l’Osservatorio Casa.it ha rilevato che l’importo medio richiesto a novembre si è assestato sui 130.000 € rispetto ai 127.750 € dello scorso luglio e, generalmente, corrisponde in media al 50% del valore dell’immobile.
Altro dato interessante che emerge dall’analisi dei dati è che l’85% di coloro che fanno richiesta di mutui rientra nella finalità di "acquisto prima casa" e solo il 7% degli utenti fa richiesta di mutuo per l’acquisto di una seconda casa.

Secondo l’Osservatorio Casa.it, inoltre, il 59% delle richieste è orientata a richiedere un mutuo a tasso variabile (+6.1% rispetto a 6 mesi fa) a seguito del calo dell’Euribor che si è verificato in questi ultimi mesi, a seguire il 21% degli utenti sceglie il tasso fisso, il restante si suddivide tra mutuo tasso variabile con Cap e mutuo a tasso Misto, quest’ultimo in ripresa rispetto a 6 mesi fa (+3.5%).

La durata media del mutuo richiesto si assesta tra i 20 e i 25 anni, anche se nell’ultimo periodo è aumentata la quota di mutui a 20 anni (+5%). I mutuatari sono generalmente lavoratori dipendenti (impiegati/operai) e liberi professionisti con un reddito mensile medio compreso tra i 1.500 € e i 2.000 €. È stato rilevato un aumento delle richieste di mutui con due intestatari (+13% rispetto allo scorso trimestre di osservazione).

Passando ad analizzare l’importo medio richiesto, vediamo come per i mutui a 20 anni l’importo medio richiesto è di 124.000€; per i mutui a 25/30 anni si attesta mediamente sui 142.500€, mentre per i mutui a 15 anni si arriva circa a 121.000€.

"In questa attuale situazione di crisi economica – ha commentato Daniele Mancini, Amministratore Delegato di Casa.it – assistiamo senza dubbio ad un trend in ribasso nell’erogazione dei mutui. Questo dato trova la sua spiegazione non solo nel fatto che, date le attuali contingenze economiche, meno italiani possono permettersi di comprare casa ma bisogna altresì notare come la reticenza delle banche, che allungano i tempi per concedere un mutuo e che pongono diversi "paletti"- come la presenza di un garante affidabile - sia un fattore determinate nella tendenza negativa dell’erogazione di mutui. Nel breve periodo non è prevedibile un cambiamento di tale situazione anche perché le compravendite stesse quest’anno dovrebbero ridursi a 529mila; nei prossimi anni, invece, soprattutto se si allenterà la stretta creditizia delle banche, si potrà iniziare ad assistere ai primi segnali di ripresa".

Luca Temporelli
Junior Account Executive
Weber Shandwick
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?