Giudizio positivo ha espresso la Corte dei Conti sulla gestione 2012 della Cassa nazionale di previdenza e assistenza per gli ingegneri e gli architetti libero professionisti (Inarcassa).

Evidentemente è stato apprezzato il difficile percorso compiuto da Inarcassa per garantire gli obiettivi di sostenibilità di lungo periodo assicurando, al tempo stesso, l’adeguatezza delle prestazioni, soprattutto in un contesto caratterizzato dal perdurare della crisi sia economica che delle categorie professionali.

Il bilancio tecnico a lungo periodo non mostra alcun segno di cedimento, positiva quindi è l'approvazione della Corte per il patrimonio mobiliare. E' stato preso atto dell’apporto significativo che la gestione ha dato al risultato del 2012 e della solidità del portafoglio, come attestata dal relativo rendimento sia contabile che gestionale.

Marcata positivamente la redditività del patrimonio mobiliare, cresciuta raggiungendo un rendimento del 5,12% netto, sarà bene che la Cassa continui ad avere massima attenzione sulla gestione e diversificazione degli investimenti perché siano sempre ispirate a criteri di massima prudenza, atteso il perdurare della volatilità dei mercati finanziari.

Questa attenzione oculata dovrà essere posta anche in tutte le decisioni che attengono alla gestione dei costi e al rialzo le entrate contributive, che, fermo restando il rispetto delle disposizioni in materia di contenimento della spesa, dovranno sempre perseguire obiettivi di efficienza a sostegno del livello dei servizi resi.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?