Federarchitetti, il Sindacato nazionale architetti liberi professionisti, ha inviato una lettera accorata, il primo ottobre scorso, al Ministero dello Sviluppo Economico, al Ministero dell’Economia e delle Finanze, alla Banca d’Italia.

Se ne riporta integralmente il contenuto che ha per oggetto: il pagamento delle prestazioni professionali con carte di debito.

"Illustrissimi signori Ministri, Illustrissimo Signor Governatore, in riferimento a quanto in oggetto, FEDERARCHITETTI, che in quanto aderente a Confedertecnica è riconosciuto "parte sociale" dal
Ministero del Lavoro, intende sottoporre alle Vostre attenzioni le seguenti riflessioni, considerazioni e richieste:

Premesso

- Che il comma 4 dell’art. 15 del DL 179/2012, convertito in legge con la legge 221/2012 sancisce che
"A decorrere dal 1° gennaio 2014 i soggetti che effettuano vendita di prodotti e prestazione di servizi anche professionali devono accettare pagamenti effettuati con carte di debito. ...”
Che il successivo comma 5 dell’art. 15 di tale legge stabilisce altresì che “Con uno o piu' decreti del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, sentita la Banca d'Italia, vengono disciplinati gli eventuali importi minimi, le modalità e i termini, anche in relazione ai soggetti interessati, di attuazione della disposizione di cui al comma precedente...."
- Che questa norma, voluta per combattere l’evasione fiscale nel presupposto di un minore utilizzo
di contanti e di una maggiore tracciabilità dei pagamenti, comporta, per il professionista, l’obbligo di dotarsi, da tale data, del POS (Point of Sale), per consentire ai propri clienti la possibilità di pagare le parcelle utilizzando il proprio bancomat (carta di debito).
- Che ad oggi comunque si è ancora in attesa dei decreti interministeriali (Sviluppo economico di concerto con l’Economia e Finanze sentita la Banca d’Italia) di cui al comma 5 dell’art. 15 del DL 179/2012.

Considerato

- Che il comma 4 dell’art. 15 del DL 179/2012, convertito in legge con la legge 221/2012 sancisce che
"A decorrere dal 1° gennaio 2014 i soggetti che effettuano vendita di prodotti e prestazione di servizi anche professionali devono accettare pagamenti effettuati con carte di debito. ...”
Che il successivo comma 5 dell’art. 15 di tale legge stabilisce altresì che “Con uno o piu' decreti del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, sentita la Banca d'Italia, vengono disciplinati gli eventuali importi minimi, le modalità e i termini, anche in relazione ai soggetti interessati, di attuazione della disposizione di cui al comma precedente...."
- Che questa norma, voluta per combattere l’evasione fiscale nel presupposto di un minore utilizzo
di contanti e di una maggiore tracciabilità dei pagamenti, comporta, per il professionista, l’obbligo di dotarsi, da tale data, del POS (Point of Sale), per consentire ai propri clienti la possibilità di pagare le parcelle utilizzando il proprio bancomat (carta di debito).
- Che ad oggi comunque si è ancora in attesa dei decreti interministeriali (Sviluppo economico di concerto con l’Economia e Finanze sentita la Banca d’Italia) di cui al comma 5 dell’art. 15 del DL 179/2012.

Chiede

1. Che venga cancellata, almeno per gli architetti e gli ingegneri, la norma di cui al
comma 4 dell’art. 15 del DL 179/2012, convertito in legge con la legge 221/2012, che prevede il pagamento dei servizi professionali con carta di debito,
2. Che venga valutata la proposta, più volte espressa da Federarchitetti, che alla presentazione delle DIA o delle SCIA o di altri documenti, o al ritiro del permesso di costruire o di altri titoli abilitativi sia obbligatoriamente esibita la fattura del professionista incaricato regolarmente quietanzata, con il risultato di contribuire, per quanto possibile, alla lotta all’evasione fiscale.

Il Presidente, Arch. Paolo Grassi

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?