Si terrà a Napoli, presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, venerdì 21 e sabato 22 ottobre, il convegno internazionale di Bioarchitettura, “Preesistenze architettoniche e sostenibilità ambientale. Biocompatibilità ed energie rinnovabili per il recupero dei tessuti urbani degradati”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura, dall’Università degli Studi di Napoli Federico II, Polo delle Scienze e delle tecnologie-Dipartimento Configurazione ed Attuazione dell’Architettura, con la collaborazione di ANEA.

Preesistenze architettoniche e sostenibilita ambientaleIl convegno punta l’attenzione sull’importanza di intervenire sul patrimonio edilizio esistente, individuando modalità di intervento progettuali e tecnologie compatibili con la tutela dei beni architettonici e paesaggistici.

Il Convegno affronta un tema strategico fondamentale dal momento che, se si vuole raggiungere l'obiettivo della riduzione, sia dei consumi energetici che della emissione di gas serra, così come richiesto dalla Comunità Europea per il traguardo del 2020, occorre individuare modalità progettuali e tecnologie compatibili con la tutela dei beni architettonici e paesaggistici, per intervenire, con tali finalità, sul patrimonio edilizio preesistente.

Gli edifici da riqualificare presentano caratteristiche tipologiche, morfologiche e costruttive molto diverse fra loro, sia per epoca di costruzione che per qualità architettonica, fino a comprendere le architetture monumentali, soggette a vincolo da parte delle Soprintendenze, e pertanto non è possibile ipotizzare soluzioni standard applicabili indifferentemente nelle diverse situazioni, ma occorre valutare, caso per caso, quali interventi è opportuno effettuare per promuovere la sostenibilità ambientale all'interno della edilizia preesistente.

Un’attenzione particolare merita il recupero in chiave ecosostenibile di interi quartieri degradati, di scarsa qualità architettonica, che può rappresentare una occasione di riqualificazione non solo dal punto di vista energetico e ambientale, ma anche per il riscatto dell'intero contesto, sintesi di presenze naturali ed artificiali.

In sintesi questi gli argomenti prevalentemente sviluppati nel corso del Convegno:
- Percorsi della sostenibilità per l'intervento nei centri storici;
- Il recupero delle aree urbane degradate;
- La riqualificazione energetica degli edifici.

Tra i partecipanti della due giorni:
. Costanza Pera, Presidente della seconda sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici del Ministero delle Infrastrutture,
. Carmelo Spitaleri, del Ministero dell’Ambiente,
. Stefano Gizzi, Soprintendente ai BAAS di Napoli e Provincia,
.  Claudio Claudi de Saint Mihiel, Preside della Facoltà di Architettura della Federico II,
. Edoardo Cosenza, Assessore ai Lavori Pubblici e alla Protezione Civile della Regione Campania,
. Tommaso Sodano, Assessore all’Ambiente del Comune di Napoli,
. Virginia Gangemi dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura,
. Michele Macaluso, direttore ANEA.
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?