Sulle acque del fiume Miljacka, dopo ben cinque anni, è stata inaugurata un'opera di collegamento delle due sponde di fronte al palazzo dell'Accademia delle Belle Arti di Sarajevo risalente al tempo della secessione viennese.

Ponte Festina Lente non chiamarlo ponte ma SEGNOLa realizzazione del "cosiddetto" ponte è stata successiva ad un concorso pubblico cittadino del lontano 2007, vinto da tre studenti di design bosniaci: Adnan Alagic, Bojan Kanlic e Amila Hrustic.

La caratteristica principale di questa "passerella pedonale" lunga 38 metri è la rotazione completa di se stessa nella parte centrale del percorso. E' una struttura in acciaio e alluminio con parapetti di vetro, che assomiglia a un nastro metallic che si contorce armonicamente creando al centro un nodo, un "loop" schiacciato.

L'intento dei vincitori del concorso era quello di creare qualcosa di nuovo: nella relazione si legge "capace di connettere la città con il futuro, tenendo presente però il passato".
Forse questo obiettivo lo si può ritrovare con la sosta o pausa nel suo punto centrale, che è stata pensata dai progettisti come luogo di riposo mediante il fronteggiarsi di due sedute in legno, quali pseudo panchine.

In realtà, per vincere il concorso, è stato pensato di realizzare una forma sinuosa e avvolgente che stupisse e creasse interesse: gli stessi progettisti l'anno chiamata "una forma unica e irripetibile".
Non si tratta certamente di un mero virtuosismo ingegneristico, bensì di un'idea brillante anche se eccessiva.
Può anche non piacere, come in effetti non coglie il plauso sollecitato, ma è ben vero che trattasi di un segno ben visibile ed evidente di congiunzione.

Alcuni attribuiscono proprio a questa idea di incontro, tra popoli divisi, tra antico e moderno, o tra sponde e lungofiume differenti, il Segno principale dell'intervento. Infatti molti intelligentemente lo hanno definto "un segno che si avvolge su se stesso".

E forse anche per tali motivi il motto scelto, Festina Lente, dovrebbe indurci a riflettere sulla incredibile realizzazione: in latino significa "affrettati lentamente"; e infatti questo "Segno urbano pedonale" permette sì di attraversare il fiume Miljacka velocemente, ma allo stesso tempo consente una sosta nel suo punto centrale.

Sarà anche questa una innovativa creazione architettonica dei tempi attuali? No. Si tratta di una riuscita sperimentazione di intelligenti studenti di design.

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?