Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, aveva dichiarato al TG1 delle 20 il 2 marzo scorso: "Dal 5 marzo abbiamo voluto dare un segnale concretissimo alle famiglie che vogliono o ristrutturare la propria casa o acquistare la prima casa. Potranno andare presso gli sportelli bancari delle banche convenzionate e chiedere l’accesso al Plafond Casa".

Ma in realtà le banche che avevano aderito all'iniziativa del Governo non si erano adeguate e dal 5 marzo, purtroppo, la sistuazione non è ancora canbiata.

Il ministro Lupi, ha pubblicato sul suo blog una nota con la quale annuncia di aver convocato al ministero l’Abi e la Cassa Depositi e Prestiti "per verificare, anche a seguito delle vostre segnalazioni, la situazione dei mutui del Plafond casa chiedendo risposte alle vostre esigenze".

Questo il testo

"Ho ricevuto alcune mail e letto i vostri commenti che mi segnalano difficoltà nell’applicazione del Plafond casa, la convenzione tra Cassa depositi e prestiti e Associazione bancaria italiana.
Cittadini che si sono presentati allo sportello delle banche che hanno aderito al Plafond casa per richiedere il mutuo per l’acquisto della prima casa o per la ristrutturazione e che si sono sentiti rispondere “Non ne sappiamo nulla”.

Ho girato queste mail a CDP e all’ABI perché verifichino che cosa è successo e risolvano il problema.
Vi invito a scrivermi segnalandomi casi simili, intendo seguire sino alla sua applicazione concreta questo provvedimento che ho fortemente voluto per aiutare soprattutto le giovani coppie che cercano casa e le famiglie che vogliono ristrutturare quella in cui abitano".

Maurizio Lupi

Da ricordare

Cassa depositi e prestiti (CDP) ha ufficializzato l’adesione di diverse banche italiane, e secondo ABI "oltre il 65% degli sportelli bancari al lavoro per realizzare l’iniziativa". Ecco la lista delle banche aderenti e in corso di adesione (aggiornata 5 marzo dal sito Cassa e Depositi Prestiti):

UNICREDIT S.P.A.
BANCA SELLA S.P.A.
CREDITO VALTELLINESE
CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A.
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO S.C.A.R.L.
CREDITO COOPERATIVO RAVENNATE ED IMOLESE S.C.
BANCA DI RIPATRANSONE – CREDITO COOPERATIVO S.C.
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI RIANO S.C.
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SPELLO E BETTONA S.C.
BANCA DI CREDITO COOPERATIVO “GIU
SEPPE TONIOLO” DI GENZANO S.C.
BANCA SANTO STEFANO – CREDITO COOPERATIVO – MARTELLAGO-VENEZIA S.C

Rivolgendosi a una delle banche aderenti, dovrebbe essere possibile ottenere informazioni specifiche su questo strumento di finanziamento. Ciascuna Banca aderente deve fornire una adeguata pubblicità all’iniziativa, sia nelle proprie filiali che attraverso la diffusione cartacea e via web per consentire un’immediata differenziazione del Plafond Casa rispetto ad altri prodotti standard.

Inoltre, a fronte delle richieste di finanziamento, le Banche sono tenute ad informare la clientela dell’esistenza e delle condizioni dei prodotti che si avvalgono di questo strumento.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?