E' Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 215 del 15 settembre 2011 la Delibera CIPE n.16 del 5 maggio 2011 relativa al Piano casa per l'Housing sociale con cui sono stati ufficialmente approvati gli schemi degli accordi di programma-

Piano nazionale per l edilizia abitativaGli schemi degli accordi di programma del social housing sono stati elaborati da 14 regioni: Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Umbria, Molise, Campania Sardegna, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana, Marche, Basilicata e dalla Provincia Autonoma di Trento.

Il Comitato interministeriale per la Progtammazione economica, considerato che l’art. 11 del decreto-legge n. 112/2008 individua le categorie beneficiarie del Piano nazionale di edilizia abitativa:
. a) nuclei familiari a basso reddito, anche monoparentali o monoreddito;
. b) giovani coppie a basso reddito;
. c) anziani in condizioni sociali o economiche svantaggiate;
. d) studenti fuori sede;
. e) soggetti sottoposti a procedure esecutive di rilascio;
. f) altri soggetti in possesso dei requisiti di cui all’art. 1 della legge n. 9 del 2007;
. g) immigrati regolari a basso reddito, residenti da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima Regione;
prendendo atto che il Piano nazionale per l‘edilizia abitativa, tramite la costruzione di nuove abitazioni, il recupero, l’acquisto o la locazione di quelle esistenti, mira a incrementare l’offerta di abitazioni da destinare prioritariamente alle categorie di beneficiari di cui al suddetto decreto legge n. 112/2008;
e in considerazione che il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 luglio 2009 prevede all’art. 4 la stipula di accordi di programma finalizzati alla promozione dell’edilizia residenziale sociale e alla riqualificazione urbana, nonché indirizzati a interventi con elevati livelli di vivibilità, salubrità, sicurezza e sostenibilità ambientale ed energetica, anche attraverso la risoluzione di problemi di mobilità;
ha espresso parere favorevole sui contenuti degli schemi di accordo di programma tra le Regioni e il Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti.

La Delibera prevede infatti un finanziamento globale pari a 2.717.047.523 mld/Euro così composto:
- risorse statali pari a 298.557.516 mil/Euro;
- risorse regionali pari a 273.864.354 mil/Euro;
- altri fondi pubblici pari a 165.569.491 mil/Euro;
- fondi privati pari a 1.979.056.162 mld/Euro.

Il numero di alloggi che, secondo il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, si renderà complessivamente disponibile con la sottoscrizione degli accordi di programma con le regioni e con la Provincia Autonoma di cui sopra è pari a 15.209 unità (di cui 12.057 di nuova costruzione, 3.009 di ristrutturazione, 143 di acquisto di immobili già esistenti).

Arch. Lorenzo Margiotta
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?