Il Consiglio regionale del Lazio, dopo tre giornate di discussione, ha approvato la proposta di legge che modifica il cosiddetto "Piano Casa".
Le nuove norme, aveva spiegato l'assessore all'Urbanistica Luciano Ciocchetti, sono state concordate con il governo, dopo l'impugnazione di parte della legge di fronte alla Corte costituzionale.
Mentre si stavano votando gli emendamenti, la Giunta regionale ne ha presentato uno sostitutivo dell'intero testo, facendo decadere tutti gli emendamenti depositati.

Piano casa Lazio approvate le modifiche alla legge"Con l'approvazione delle modifiche al Piano Casa varate dal Consiglio regionale (ha dichiarato Renata Polverini, presidente della Regione Lazio) si rende ulteriormente fruibile un provvedimento che questa Giunta ha fortemente voluto per rispondere in primo luogo all'emergenza abitativa e dare una boccata d'ossigeno al settore dell'edilizia particolarmente colpito dalla grave crisi economica che ancora stiamo attraversando".

LE MODIFICHE

- E' rafforzato il ruolo del ministero dei Beni culturali nella procedura stabilita per superare contrasti circa l'effettiva esistenza di beni sottoposti a vincolo paesaggistico, rispetto alle perimetrazioni contenute nel Ptpr, e viene specificata la necessità del nulla osta preventivo dell'ente gestore nel caso di interventi che ricadono in aree protette.

- Il testo approvato ha chiarito che la legge regionale per il rilancio dell’edilizia (Piano Casa) ha validità fino al 31 gennaio 2015.

- E' stata eliminata la parte relativa alle concessioni in sanatoria ottenute tramite silenzio-assenso.

- E' stato specificato che i programmi integrati di riqualificazione urbana e ambientale, previsti dal piano casa, sono interventi volti alla valorizzazione del territorio. Inoltre è stata eliminata la parte relativa alla possibilità di realizzare impianti sportivi nelle aree naturali protette.

- Vengono precisate le norme sulle opere di urbanizzazione secondaria e sul rispetto degli standard urbanistici; vengono modificate le norme sui cambi di destinazione d'uso che saranno possibili non solo sull'intero edificio, ma anche per parti di esso, e sancito che -per quanto riguarda i comuni costieri- le aree liberate dai programmi di demolizione e ricostruzione potranno essere destinate solo alla fruizione pubblica del litorale.

- E' stato previsto che la giunta regionale rediga un regolamento ad hoc per disciplinare l'housing sociale.

- Il testo introduce la possibilità per gli enti religiosi di finanziare la realizzazione di edifici di culto attraverso la costruzione di strutture residenziali, commerciali, direzionali, turistiche o per servizi, per una volumetria pari a quella delle opere religiose fino a un massimo di 3mila metri quadrati, su terreni di proprietà dell'ente stesso.

- Viene reso meno oneroso il passaggio alla proprietà piena per i soci delle cooperative assegnatari di alloggi costruiti in diritto di superficie, e per le cooperative a cui i comuni non hanno assegnato le aree su cui edificare nuove "167" è stata introdotta la possibilità di chiedere una nuova localizzazione dell'intervento.

- Sono state introdotte, poi, norme per favorire gli interventi di edilizia agevolata da parte di cooperative edilizie in particolare superando alcune problematiche connesse al possesso di determinati requisiti finanziari per poter accedere ai bandi regionali,

Il Piano Casa, ha ribadito Renata Polverini, già in vigore da settembre per la parte che non riguardava l'impugnativa, si sta rivelando un importante strumento per famiglie e imprese come dimostrano le Dia presentate ai Comuni. Oltre a superare alcuni dei rilievi mossi dal governo, il testo approvato ha introdotto infatti anche nuove norme che vanno nella direzione di ulteriormente semplificare l'attuazione della legge.

Ing. Enzo Ritto
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?