E' stata confermata a novembre la proposta di proroga per il Piano Casa Puglia: la Legge regionale n. 33/2015 (approvata all'unanimità) ha esteso fino al 31 dicembre 2016 la possibilità di usufruire dei bonus volumetrici già previsti in precedenza.

Sono state apportate “Modifiche alla legge regionale 30 luglio 2009, n. 14 (Misure straordinarie e urgenti a sostegno dell’attività edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale) e norme interpretative alla legge regionale 7 ottobre 2009, n. 20 (Norme per la pianificazione paesaggistica)”.

Oltre alla proroga, quindi, sono state apportate anche modifiche alla legge regionale n. 14/2009 con lo scopo di migliorare l’impianto della norma e facilitarne la sua applicazione, anche con snellimento burocratico.

Sono confermati quindi interventi già previsti con possibilità di apportare piccoli ampliamenti e miglioramenti al patrimonio edilizio esistente, pur salvaguardando gli aspetti di fondamentale importanza come l’attenzione all’Ambiente e al Paesaggio.

Resta difficile però accettare che con tale proroga si sia evidenziato che "Nei procedimenti regolati dal Piano paesaggistico territoriale regionale (PTTR) e nei procedimenti connessi di natura urbanistica e ambientale, il parere del Soprintendente si intende obbligatorio e non vincolante sugli ulteriori contesti di cui all’articolo 38, comma 3 delle norme tecniche di attuazione del PPTR approvato con deliberazione di Giunta regionale 16 febbraio 2015, n. 176."

Alessandra Agrimoni

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?