Per l'Istat è cresciuto nel 2015 il potere d’acquisto delle famiglie (+0,8%), ma per il il Codacons l’aumento appare insufficiente e al di sotto delle aspettative, perché il potere d'acquisto non poteva che aumentare, dopo anni di continua diminuzione che hanno fortemente impoverito le famiglie.

Tenuto conto dell’inflazione, scrive l'Istat, il potere di acquisto delle famiglie consumatrici è aumentato nel 2015 dello 0,8%, positivo dopo 8 anni In Italia. Nel quarto trimestre si è ridotto dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e aumentato dello 0,9% rispetto al quarto trimestre del 2014.

Inoltre, dalla Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana, emerge che "In un quadro di indebolimento della ripresa globale, l'economia italiana è attesa evolversi a ritmi moderati anche nel primo trimestre del 2016. Segnali positivi provengono dal settore dei servizi e dalle costruzioni a fronte di una dinamica meno favorevole nell'industria."

Gli ultimi dati, infatti, mostrano un miglioramento dell'occupazione, soprattutto quella a tempo indeterminato, con l'inflazione che si è riportata in territorio negativo.
Nel 2015 il rapporto tra indebitamento netto e Pil è stato pari al 2,6%, in diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto a quello del 2014. Nel quarto trimestre 2015 il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo e pari a 8.112 milioni di euro. L'incidenza dell'avanzo sul Pil è stata dell'1,9%, inferiore di 0,3 punti percentuali rispetto a quella registrata nel quarto trimestre del 2014.

Il saldo corrente nel quarto trimestre 2015 è stato positivo e pari a 9.732 milioni di euro con un'incidenza sul Pil dello 2,3% (0,8% nel corrispondente trimestre dell'anno precedente). Nel quarto trimestre 2015, le uscite totali sono aumentate, in termini tendenziali, dello 0,6%; la loro incidenza rispetto al Pil è stata del 57,1% (57,7% nel corrispondente trimestre dell'anno precedente). Ma la pressione fiscale è stata pari al 50,3%, invariata rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?