Come scoprire l'eredità di Paolo Soleri come architetto, ambientalista, e filosofo? Con un film che "pone domande critiche circa il futuro dell'umanità e dell'architettura in un mondo che sta affrontando ormai una crisi ambientale, sociale ed economica".

Questa la risposta di LISA Scafuro, realizzatrice dell'interessante film-documentario sulla affascinante fantasia di un architetto che non voleva sottostare alla società globale dei compromessi.

"La visione di Paolo Soleri: Profeta nel deserto" è il documentario biografico sull'architetto e ambientalista Paolo Soleri.

Dalla recente lettera ricevuta da Lisa Scafuro, che ringrazio sinceramente, stralcio alcune note chiarificatrici del suo impegno profuso per far conoscere a tutti, e specialmente a noi architetti, chi era realmente Paolo Soleri, morto a Cosanti (vicino a Scottsdale-Arizona) il 9 aprile 2013.

Nato a Torino nel 1919, Soleri giunge in America nel 1946 e lavora con Frank Lloyd Wright a Taliesin West. Dopo un anno e mezzo, Soleri lascia Wright e intraprende il suo ardente percorso originale, quello che Newsweek ha definito "il più importante esperimento urbano del nostro tempo".

Pochi architetti hanno proposto un disegno tanto più ambizioso quanto meno incline al compromesso. Anche all'età di 93 anni di età, mentre continuava a lavorare prolifico nel deserto dell'Arizona e la sua visione rimaneva in gran parte non realizzata, Soleri sognava sempre di essere un apripista nella comprensione di un'architettura diversa e futuribile.

Data l'attuale crisi globale, il lavoro della vita di Soleri è diventato sempre più rilevante e profetico per il nostro mondo e il dilemma delle sue ideologie.
Per Soleri la città era "lo strumento necessario per l’evoluzione dell’umanità" e la sua "Arcologia" era la base per "una radicale riorganizzazione del vasto e scomposto paesaggio urbano in città dense, integrate, tridimensionali".

Il film-documentario

L'architetto LISA Scafuro (attuale produttore, sceneggiatore, montatore, regista), dopo aver svolto per diciassette anni il suo lavoro nel mondo dell'arhitettura, si trasferisce in Arizona per seguire la sua passione per la scrittura e la realizzazione di un film.
Lisa Scafuro è autore e illustratore di un libro per bambini, e i suoi articoli di architettura sono presentati e pubblicati su diverse riviste di architettura.
Conosce Paolo Soleri e nel 1998 prende la decisione di produrre un film ispirato dal lavoro e dalla vita intensa di Soleri, "un architetto davvero speciale", (con numerose interviste di architetti famosi, scrittori, critici e giornalisti).

Per decenni, Soleri ha invitato l'umanità a cambiare il suo modo di pensare e lasciare andare la percezione del sogno americano. "E' un mito", ha coraggiosamente affermato e spiegato, "nel senso che è stato spinto sul mondo invece di crescere organicamente dalla natura": l'ideale di materialismo e di iper-consumo, pensò, ha portato in ultima analisi, allo spreco e a mancanza di appagamento.

Ma non era un anarchico, e come alternativa alla cultura del consumo si è concentrato (con tutte le sue forze) sulla conservazione del territorio, energia e risorse naturali.

Il film-documentario, quale storia di una ricerca artistica senza precedenti, ha ricevuto una Selezione Ufficiale per la New Hope Film Festival 2013. La sua visione è prevista per il 20 luglio 2013 presso la Stephen J Buck Memorial Theatre, New Hope (sulle rive del fiume Delaware in Pennsylvania) e conseguente incontro (domande e risposte) con l'autore Lisa Scafuro.

La colonna sonora del film include musiche di Andrea Bocelli, Jared Leto, e Thirty Seconds to Mars, CKY, Beethoven, Ravel, Justin Salter.

Arch. Lorenzo Margiotta

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?