Trainata da Stati Uniti e Regno Unito, la crescita globale è tornata sui valori medi di lungo termine, mentre Eurozona e alcuni dei principali mercati emergenti sono ancora in ritardo. Nel corso del 2015 il gruppo di ricerca di Unicredit prevede un'accelerazione della crescita globale.

Un miglioramento delle prospettive di crescita per il 2015 sono da ricondursi al venire meno, in particolar modo nell'eurozona, della politica fiscale restrittiva che ha caratterizzato il periodo 2011-2013, alla consistente riduzione dei prezzi del petrolio, di cui stanno già beneficiando famiglie e imprese.

In Italia la crescita, dopo tre anni di contrazione, tornerà a essere positiva, con un aumento del PIL dello 0,5% nel 2015 e dell'1,1% nel 2016. Le esportazioni italiane dovrebbero trarre vantaggio dall'indebolimento dell'euro e dalla moderata ripresa della domanda globale.

A sua volta, la ripresa del mercato del lavoro registrerà un'accelerazione sul finire dell'anno, con una più sostenuta crescita dell'occupazione, sia pure a fronte di un lento calo della disoccupazione. Verrà così a rafforzarsi la ripresa in corso dei consumi nel settore privato, che ha già iniziato a beneficiare di una politica di bilancio più favorevole alla crescita e del calo dell'inflazione.

Viene confermata la tendenza accomodante delle principali banche centrali, seppur con qualche differenza. La Fed dovrebbe iniziare ad alzare i tassi intorno alla metà del 2015, ma la politica monetaria USA nel suo complesso rimarrà accomodante per l'intero 2015. Infatti sarà determinante, per il 2015, il rafforzamento del dollaro rispetto alla maggior parte delle altre valute principali, sostenuto dal protrarsi della crescita dei rendimenti reali USA.
La crescita che si prevede avverrà gradualmente e per lo più nella seconda metà dell'anno. Ma il rischio principale per il nostro outlook 2015 è costituito dal conflitto Russia-Ucraina. Incerta anche la situazione politica della Grecia, dove si avvicinano le elezioni presidenziali.

Fonte: https://www.unicreditgroup.eu

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?