E' di quattro giorni fa la presentazione del primo concorso "ArcVision Prize – Women and Architecture", il premio internazionale d’architettura voluto da Italcementi Group e destinato a selezionare le progettiste che abbiano meglio interpretato il ruolo dell’architetto con opere significative nel campo delle costruzioni civili, residenziali, di servizio, con particolare attenzione a sociale, cultura ed educazione.

Ora un premio internazionale d architettura al femminileL’architettura contemporanea sta esprimendo ormai da tempo figure femminili di primo piano, autrici di composizioni particolarmente attente ai bisogni dei cittadini, alle relazioni umane, alla creazione di un ambiente a misura di chi lo vive. Italcementi Group vuole sostenere questa tendenza e farla diventare una realtà essenziale nel mondo della progettazione.

E' un voler azzerare la discriminazione tra sessi, un voler rilanciare le tanto ostacolate quote rosa?
Non sappiamo. Di sicuro è che la componente femminile delle professioni tecniche è fortemente presente nella capacità creativa e realizzativa.

Nell'occasione, Martha Thorne, membro della Giuria di ArcVision Prize e direttrice del Pritzker Prize, ha affermato: "Migliorare la qualità delle nostre città, lavorare sul tema della sostenibilità, contribuire all’educazione o suggerire soluzioni di fronte alle calamità sono solo alcune delle aree di intervento in cui il lavoro degli architetti è utile e prezioso. In questo ambito non può esser trascurato il ruolo delle donne e il contributo da loro dato nel passato, nel presente, e che certamente daranno in futuro all’architettura. L’arcVision Prize è dunque un progetto di grande interesse proprio perché riconosce e sostiene la capacità, la creatività e i molti talenti delle donne architetto".

Un'accoglienza favorevole, quindi, a Italcementi Group che vuole farsi interprete e promotore attivo del mondo professionale femminile, "con la creazione di iniziative mirate a far risaltare la figura di progettiste che apportano al contesto economico, sociale e culturale dell’architettura autentiche novità di interpretazione progettuale, teorica e pratica".

E' provocazione? Forse no!
Con le parole di Carlo Pesenti (di Italcementi) possiamo augurarci che sia una "discriminazione positiva" a favore delle donne nel mondo della professione di architetto.

Arch. Maria Renova
Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Lascia la tua email e registrati con un click.
Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione l'utente acconsente al loro utilizzo in conformità con i Termini sulla privacy.                   [
Non mostrare più
]
Accedi o registrati gratis in un click
Email:
Password:
Password dimenticata?